Boom del turismo in Sardegna nel 2021: “Crescita tripla rispetto alla media nazionale”

Solinas: “I dati forniti dall’indagine Cna sui flussi turistici del 2021 sono confortanti e confermano la bontà della strategia intrapresa dalla Giunta regionale. Abbiamo affrontato con coraggio e idee l’emergenza sanitaria, che ha influito pesantemente anche sul settore turistico, e grazie ai nostri progetti, che insieme alla bellezza e all’attrattività della Sardegna hanno generato e promosso un’immagine positiva della nostra Isola”

“I dati forniti dall’indagine Cna sui flussi turistici del 2021 sono confortanti e confermano la bontà della strategia intrapresa dalla Giunta regionale. Abbiamo affrontato con coraggio e idee l’emergenza sanitaria, che ha influito pesantemente anche sul settore turistico, e grazie ai nostri progetti, che insieme alla bellezza e all’attrattività della Sardegna hanno generato e promosso un’immagine positiva della nostra Isola, abbiamo ottenuto importanti risultati”. Lo ha detto il presidente della Regione, Christian Solinas, commentando il dossier del Centro studi della Confederazione nazionale artigianato sarda, che ha evidenziato come, nel 2021, i flussi turistici siano in ripresa, seppure ancora inferiori ai livelli pre-Covid, con una crescita tripla rispetto alla media nazionale.

Secondo il dossier, tra gennaio e settembre 2021, nelle strutture ricettive sarde si sono registrate 9,6 milioni di presenze (+62,8% rispetto al 2020, +22,3% il dato nazionale), il turismo domestico ha contato 1,85 milioni di presenze in più rispetto al 2020 (+41,2% contro +14,2% nazionale) e anche i flussi stranieri hanno contato 1,85 milioni di presenze in più  (+131,8% contro +40,3% nazionale): “Come evidenzia Cna, una crescita tripla rispetto a quella nazionale che ha premiato la Sardegna come regione italiana con la ripresa maggiore – ha sottolineato l’assessore regionale del Turismo, Gianni Chessa – Non è certo una casualità. I grandi eventi sportivi che abbiamo promosso senza sosta, le iniziative culturali che hanno valorizzato il patrimonio storico isolano, in particolare l’archeologia, e la partecipazione alle fiere turistiche nazionali e internazionali hanno contribuito all’ampliamento dell’offerta turistica e anche alla destagionalizzazione dei flussi turistici, rafforzando l’idea di un’isola sicura anche nell’era del pericolo sanitario. Le iniziative della Regione, ovviamente, non si fermano e puntando anche su altri segmenti, come il turismo religioso e quello congressuale, la Sardegna intende recitare un ruolo da protagonista nel mercato turistico”.

“Numeri che infondono fiducia per il futuro e ci spronano a proseguire sulla strada intrapresa per far crescere e consolidare la competitività turistica della Sardegna, sempre più convinti che il turismo rappresenti un volano fondamentale per l’economia della Sardegna. Dobbiamo farci trovare pronti per quando, inevitabilmente, l’emergenza sanitaria terminerà e la Sardegna potrà dimostrare la sua capacità attrattiva come meta turistica nazionale e internazionale”, ha concluso l’esponente della Giunta Solinas.


In questo articolo: