Boom del M5S anche a Cagliari, tonfo Pd: “Zedda muto su immigrazione e abusivismo”

Il risultato record dei “grillini” anche nel capoluogo sardo? In qualche modo una “punizione” per l’attuale maggioranza comunale: “La gente non è stupida, anche in città serve un cambiamento”. GUARDATE le VIDEO INTERVISTE realizzate in via Roma

 Il risultato storico del Movimento 5 Stelle, che doppia il Partito democratico anche a Cagliari, suona anche come un campanello d’allarme per la Giunta Zedda. Almeno, questo è quello che traspare dalle parole dei cagliaritani che, a poche ore dal risultato delle urne, passeggiano in via Roma. L’equazione è presto fatta: Renzi uguale Zedda. Anche se il sindaco non ha in tasca la tessera dei democratici, gli “errori” fatti a livello nazionale si ripercuotono anche a palazzo Bacaredda.
“Renzi ha fatto tante promesse senza mantenerle, anche ai sardi. Ho sempre votato a sinistra, ma ci ha rovinato, ho scelto i 5 Stelle”, spiega uno degli storici orologiai della via. “Zedda vale zero come amministratore, ai tempi di Emilio Floris la città era ben amministrata”. Un passante è nettto: “La gente non è stupida, Zedda ha fatto cose positive come le rotatorie e le nuove piazze, ma ha partecipato alla grande invasione di immigrati voluta dal Pd, ormai la situazione è insostenibile. Ho sempre votato Forza Italia, a questo giro ho scelto i 5 Stelle”. Due signori, non di Cagliari, sono sicuri: “Ben venga il cambiamento, speriamo che i ‘grillini’ si alleino con la Lega”, che è l’altra grande sorpresa in città. “La gente è stanca, ha voglia di cambiamento. Zedda, soprattutto sull’abusivismo in via Roma non ha mai mosso un dito. Ho votato i 5 Stelle, prima votavo a destra”.