Bologna-Cagliari 1-1, grande Simeone e super Carboni: Zenga può sorridere

Tutte le emozioni nel secondo tempo al Dall’Ara. Barrow porta avanti gli emiliani, poi Simeone fa esplodere di gioia la panchina dei sardi: un altro punto verso la salvezza e il sogno Europa

Bella partita tra Bologna e Cagliari, anche se i padroni di casa possono recriminare per aver avuto una superiorità territoriale abbastanza evidente e anche numerose occasioni da rete. Il Cagliari ha patito gli infortuni dei difensori e ha dovuto fare di necessità virtù, prima Ceppitelli, poi Walukiewcize infine Pellegrini hanno dovuto lasciare il campo prima del tempo. Tuttavia il giovanissimo Carboni si è disimpegnato bene anche da centrale, facendosi trovare sempre puntuale e sicuro nelle chiusure. Nainggolan ha fatto la differenza sino a quando le forze hanno retto, poi la stanchezza, ha preso il sopravento sul gioco e la partita si è un po’ allentata. Il Bologna è apparso un avversario di ottimo livello e il tridente ha messo seriamente sotto pressione la difesa cagliaritana, da segnalare la bella prova di Lykogiannis per il rossoblù sardi e Barrow per quelli bolognesi. Inoltre plauso al quarto goal consecutivo di Simeone che arriva a quota 10, molto bravo anche Cragno che oggi ha sfoderato una delle sue prestazioni migliori, in classifica il Cagliari raggiunge i 39 punti, uno in più del Bologna. LA PARTITA Il Renato Dall’Ara di Bologna ospita la 29^ giornata di questo strano campionato, il tardo pomeriggio del primo giorno di Luglio, di fronte il Bologna di Sinisa Mihajlovic e il Cagliari di Walter Zenga, le squadre divise in classifica da un solo punto e nel mirino la zona Europa League. All’andata finì 3 a 2 per il Cagliari, con doppietta di Joao Pedro e goal di Simeone, una partita combattuta sino all’ultimo e vinta dai rossoblù cagliaritani che allora avevano il vento in poppa. Per l’occasione Walter Zenga ripropone la squadra che ha superato il Torino tre giorni fa e cioè: Cragno tra i pali, Ceppitelli, Carboni e Walukiewciz sulla linea difensiva, Pellegrini, Rog, Nainggolan, Nandez e Mattiello a centrocampo, Joao Pedro e Simeone in attacco, Mihajlovic risponde con Skorupski in porta, Tomiyasu, Danilo, Bani e Dijks sulla linea difensiva, Medel mediano, Schouten e Soriano a centrocampo, Orsolini, Palacio e Barrow in attacco. Due moduli differenti che dovrebbero determinare una partita spettacolare con capovolgimenti di fronte repentini, naturalmente i giocatori risentiranno del caldo che anche a Bologna si fa sentire. Nel Cagliari non ci saranno più sia Olsen che Cacciatore, infatti non avendo rinnovato il contratto i due giocatori non faranno più parte del Cagliari.

 

LA CRONACA DELLA PARTITA – Il Cagliari parte abbastanza determinato con il solito Nainggolan in evidenza, al 7’ minuto e proprio lui a scaldare la partita con una conclusione da fuori area che passa di poco fuori dalla porta difesa da Skorupski, al 12’ giallo per Schouten per un fallo di gioco, al 18’ giallo anche per Tomiyasu che tiene Joao Pedro per la maglia, Al 21’ Ceppitelli deve uscire per un problema muscolare, Zenga manda in campo Lykogiannis, quindi Carboni diventa centrale e Nainggolan capitano. Al 24’ giallo anche per Carboni che stende Palacio, al 28’ prima vera occasione per il Bologna con Palacio che si vede ribattere da Cragno un gran sinistro scoccato dal limite dell’area di porta. Al 36’ Rog dalla linea di fondo, mette in mezzo una palla d’oro ma nessuno riesce a realizzare, al 39’ è Palacio a girare al volo in area con palla fuori. Al 40’ anche Joao Pedro ha una grande occasione con Skorupski che blocca la palla davanti alla linea di porta, Sacchi assegna quattro minuti di recupero e proprio al 3’ di recupero Barrow porta in vantaggio il Bologna, grazie a una serie di rimpalli al limite dell’area. Si va al riposo con la squadra di casa in vantaggio, onestamente, per quanto visto in campo, diciamo anche meritatamente. SECONDO TEMPO Al 1’ minuto il Cagliari trova subito il pareggio con la quarta perla di Simeone che viene servito in area da un passaggio sporco di Nainggolan, l’artefice dell’azione è stato Lykogianni che ha fatto una grande discesa dalla trequarti cagliaritana, Sacchi consulta il VAR che conferma il goal, decimo sigillo di Simeone in questo campionato. Al 8’ Barrow ha l’occasione per raddoppiare ma non arriva in tempo per l’impatto con la palla, al 10’ è Joao Pedro a tirare dal limite, palla insidiosa che Skorupski devia in angolo, capovolgimento di fronte e Barrow impegna severamente Cragno in una parata difficile. Al 13’ giallo ingenuo per Pellegrini che allontana la palla, al 16’ anche Walukiewciz lascia il campo per problemi muscolari, al suo posto Pisacane che entra dopo due minuti, al 19’ grande punizione di Lykogiannis e Joao Pedro gira di testa, para Skorupski. Al 25’ il Bologna effettua tre sostituzioni, fuori Schouten,Dijks e Palacio e dentro Sansone, Krejci e Dominguez. Al 27’ anche Pellegrini a terra per problemi muscolari, Sacchi intanto comanda il cooling break, al 32’ Ionita prende il posto di Pellegrini, al 44’ fuori Medel dentro Svamberg, intanto Sacchi assegna 6’ di recupero. La partita finisce con il risultato di 1 a 1 che accontenta entrambe le squadre.


In questo articolo: