Bilancio in Regione, il centrodestra stronca Pigliaru: “Un fallimento”

L’opposizione all’attacco in consiglio regionale

 I gruppi dell’opposizione in Consiglio regionale stroncano la manovra di assestamento alla manovra finanziaria 2014-2016, approvata in giunta lo scorso 19 settembre e che ha incominciato l’esame nella Terza commissione. «Siamo davanti ad un’autentica operazione di macelleria sociale», così ha dichiarato in apertura dell’incontro con la stampa, il capogruppo di Forza Italia, Pietro Pittalis, nell’evidenziare i tagli anche ai “settori santuario del centrosinistra” (così li ha definiti il consigliere della minoranza) come cultura, istruzione, università, lavoro e assistenza sociale. «La Giunta si dimostra inadeguata e irresponsabile – ha proseguito il capogruppo di Fi – e invece di affrontare la crisi e il disagio sociale mostra, con la manovra di assestamento, un disinteresse totale verso i problemi delle imprese e delle famiglie sarde». Pittalis ha criticato la scarsa capacità di spesa dimostrata dall’esecutivo regionale in questi primi sette mesi di legislatura ed ha definito “un segnale inquietante” il taglio di 10 milioni di euro nel capitolo relativo agli indennizzi in Agricoltura, a favore delle aziende colpite dalla tragica alluvione dello scorso 11 novembre, mentre ha giudicato “irresponsabile” la decisione della Giunta di prevedere un taglio di 36 milioni di euro (sul totale di 40 milioni) per “il rischio idrogeologico”. «Non solo assistiamo a un taglio di così grande consistenza – ha precisato l’esponente del centrodestra – ma le rimanenti risorse vengono spalmate fino al 2018». Bocciata senza appello anche la decisione della giunta guidata dal presidente Pigliaru di provvedere alla copertura del disavanzo 2013 (216.138.608, 71 euro) attraverso la contrazione di mutui («soluzione a cui non si è mai fatto ricorso nella legislatura del presidente Cappellacci») e quella di dar corso («con una operazione puramente ragionieristica») allo stanziamento di 103 milioni di euro nel capitolo delle spese del servizio sanitario regionale, per la cosiddetta sterilizzazione degli ammortamenti della Asl («si poteva attendere la legge Finanziaria»). Tra i tagli contestati, gli oltre due milioni e mezzo di euro in meno per la Lingua sarda («alla Giunta la Lingua sarda non interessa e le forze della maggioranza che si definiscono identitarie tacciono»), la riduzione da oltre nove milioni dei fondi per la disabilità, i 12 milioni e mezzo del fondo occupazione e i circa 12 milioni nei fondi per la ricerca.

L’ex presidente della Giunta, Ugo Cappellacci (Fi), ha rilanciato l’invito all’esecutivo perché non dia seguito all’accordo siglato lo scorso luglio col governo italiano in materia di entrate, nella parte in cui prevede il ritiro dei ricorsi presentate dalla Regione in materia di finanza pubblica ed ha definito, i risultati fino ad ora ottenuti dalla Giunta nel rapporto con l’esecutivo nazionale, “un vero e proprio furto di Autonomia”. Così sono da intendersi, a giudizio dell’esponente dell’attuale minoranza consiliare, la riduzione di 84 milioni di fondi Fas, i 65 milioni in euro in meno della legge 66 e i 300 milioni in meno dallo “sblocca Italia” («in realtà dovrebbe chiamarsi “sbanca Sardegna”»). «Per la Giunta – ha concluso Cappellacci – è arrivato il momento della sveglia».

A giudizio del capogruppo dei Riformatori, Attilio Dedoni, la manovra di assestamento al bilancio dimostra la volontà di nascondere la “mala politica” dell’attuale giunta regionale. Dedoni ha ribadito le critiche ai tagli e per la contrazione dei mutui ed ha sottolineato l’assenza di stanziamenti persino per i circoli degli emigrati sardi («decisioni che certificano l’insipienza e l’arroganza dei governanti arrivati dall’Università»).

Il capogruppo di “Sardegna”, Modesto Fenu (Zona Franca), ha invece sottolineato l’assenza di iniziative in favore della Zona Franca e richiamato l’attenzione sull’urgenza di interventi a favore del settore produttivo isolano. Il suo collega di gruppo, Paolo Truzzu (FdI-An), ha sottolineato come la manovra di assestamento sia fatta di soli tagli e ha evidenziato, in generale, un atteggiamento arrendevole della Giunta nei confronti delle indicazioni del governo Renzi («non vogliono disturbare il manovratore e l’assessore Paci fa il gioco delle tre carte, dove a perdere sono i cittadini»).

L’assessore al Bilancio dell’ultima giunta Cappellacci, Alessandra Zedda (Fi), ha escluso intenti polemici da parte delle opposizione nel denunciare la “confusione” che emerge dalla manovra di assestamento, con la quale – a giudizio dell’esponente Fi – si tradiscono i sardi e le promesse fatte dalla Giunta ad inizio della legislatura. Il consigliere di Forza Italia, Oscar Cherchi (già all’Agricoltura nell’esecutivo del centrodestra) ha posto l’accento sulla riduzione di 10 milioni di euro dei fondi destinati alle aziende agricole colpite dalla tragica alluvione del novembre 2013 e rimarcato l’assenza di bandi  e di azioni per garantirne l’utilizzo e la spendita («l’attuale assessore smetta di guardare al passato e incominci a lavorare perché sono già passati sette mesi dal suo insediamento»).

«La Giunta regionale dimostra di non avere un’idea di Sardegna», è l’accusa mossa dal consigliere di Forza Italia, Antonello Peru, che ha ricordato le azioni dell’esecutivo Cappellacci per la riduzione della spesa («niente mutui e taglio dei costi della politica») e a favore dello sviluppo («riduzione dell’Irap, fondi per le opere immediatamente cantierabili»). Antonello Peru ha quindi criticato la decisione dell’attuale Giunta e della maggioranza di centrosinistra di procedere con l’istituzione di una nuova Asl («non ha alcun senso e aumenta i costi dell’amministrazione»).

Il capogruppo dell’Udc, Luigi Rubiu, ha espresso “ferma contrarietà” per la manovra di assestamento ed ha preannunciato una serie di azioni congiunte delle forze di opposizione per denunciarne i limiti e migliorarne i contenuti.


In questo articolo: