“Basta con i disagi nei trasporti aerei: i viaggiatori sardi non possono essere ostaggio delle compagnie”

L’allarme del Presidente del Consiglio Pais: “In particolare, nella giornata di oggi, nello scalo di Cagliari Elmas la compagnia Alitalia ha cancellato 7 voli in partenza e 8 in arrivo”

continuità

“Basta con i disagi nei trasporti aerei. I viaggiatori sardi non possono essere ostaggio delle compagnie”. Il presidente del Consiglio regionale Michele Pais in una lettera al presidente della commissione  consiliare Trasporti chiede di valutare la possibilità di inserire all’ordine del giorno del parlamentino la situazione del trasporto aereo da e per la Sardegna e di  chiamare immediatamente in audizione i vertici delle  compagnie che operano negli scali sardi.

Il Presidente plaude al lavoro dell’assessore ai Trasporti che sta monitorando la situazione degli scali sardi per registrare se ci siano difficoltà nel traffico passeggeri.

“In questi giorni – scrive il Presidente nella lettera inviata a Giuseppe Talanas – a causa dello sciopero indetto e poi revocato sono stati cancellati dagli aeroporti di Cagliari e Alghero 26 voli. In particolare, nella giornata di oggi, nello scalo di Cagliari Elmas la compagnia Alitalia ha cancellato 7 voli in partenza e 8 in arrivo. Più grave la situazione nello scalo di Alghero dove ieri sono stati cancellati gli ultimi due voli, oggi sono rimasti a terra 7 voli in partenza e 7 in arrivo e domani sono previste due partenze in meno.  Una situazione – continua il Presidente – che crea disagio ai sardi che, se anche riprotetti dalle Compagnie, devono spesso sopportare ulteriori costi e difficoltà”.

Per il Presidente Pais una delle priorità del Consiglio regionale deve essere quella di salvaguardare in ogni modo il diritto dei sardi alla mobilità. “La nostra insularità – conclude il Presidente – non può e non deve diventare isolamento a causa di cancellazioni di voli dovute ad una programmazione che non tiene conto delle effettive esigenze della Sardegna”.


In questo articolo: