Aumenta l’Imu a Quartucciu, la minoranza non ci sta e parte all’attacco

Aumenta l’Imu a Quartucciu, la minoranza non ci sta e parte all’attacco: “La situazione sta diventando preoccupante”.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Aumenta l’Imu, la minoranza non ci sta e parte all’attacco: “La situazione sta diventando preoccupante, basta fare un semplice esempio per chiarire: un proprietario di un’area edificabile nel PRU che possiede un terreno di 1000 mq, nel 2023 ha versato un’imposta IMU di € 860,00, nel 2024 per lo stesso terreno pagherà un importo di € 1.186,80, tra l’altro con tempi di attuazione dello stesso piano ben lontani da quelli sbandierati e con costi di realizzazione altissimi”. A puntare il dito sulla giunta di Pietro Pisu sono i consiglieri di  “Quartucciu nel cuore” e il gruppo “Misto”.

Recentemente sono stati deliberati “aumenti che variano dal 20% al 65% della tassazione ai fini Imu.  Che l’intenzione fosse quella di aumentare le tasse è nota da tempo e lo avevamo già anticipato. Hanno iniziato con l’aumento dell’addizionala comunale (quasi il 35% di aumento), proseguito con l’aumento dell’IMU, tassato il primo passo carrabile fino all’anno scorso totalmente esente, per terminare con l’aumento dal 35% al 50% della tassa sull’occupazione del suolo pubblico. È facile amministrare mettendo mano alle tasche dei cittadini contribuenti con un  aumento indiscriminato di oneri e balzelli”.  Senza mezzi termini, dunque, la minoranza rincara la dose: “Oggi si sta pagando il conto di scelte inappropriate e lontane dai decantati targets di ecosostenibilità. Nella realtà servono maggiori introiti per coprire gli altissimi costi di manutenzione dei parchi, per il contratto di project financing dell’illuminazione pubblica che aumenta vertiginosamente di semestre in semestre, per le attività culturali di propaganda a beneficio di pochi operatori mentre alle associazioni locali si pretende la gratuità attraverso forme di presunta collaborazione. Questa volta non ci sono alibi né giustificazioni perché gli atti parlano. In Consiglio Comunale, in maniera del tutto propositiva, abbiamo richiamato l’attenzione della giunta perché ponesse rimedio alle inesorabili conseguenze delle scelte poco lungimiranti a firma della giunta”. 

Insomma, “sul campo, oggi, ci sono solo vittime: i nostri concittadini, nei confronti dei quali ci mettiamo a disposizione per ogni forma di collaborazione”.


In questo articolo: