Assemini, strappo in consiglio comunale: Garau del Psd’Az abbandona l’aula per protesta

Durante i lavori dell’ultimo consiglio comunale di Assemini, il rappresentante del Partito Sardo d’Azione Gigi Garau, ha abbandonato l’aula per protesta, proprio mentre il consiglio si accingeva a discutere variazioni di bilancio per diverse centinaia di migliaia di euro

Durante i lavori dell’ultimo consiglio comunale di Assemini, il rappresentante del Partito Sardo d’Azione Gigi Garau, ha abbandonato l’aula per protesta, proprio mentre il consiglio si accingeva a discutere variazioni di bilancio per diverse centinaia di migliaia di euro. Il motivo della manifestazione di protesta è legato al mancato riscontro che il consigliere ha dovuto subire riguardo una formale richiesta di accesso agli atti presentata ormai da un mese e mai inevasa. Gli articoli 43 e 44 del TUEL (D. Lgs. 267/2000) prevedono sia l’accesso agli atti da parte dei consiglieri comunali che le tutele delle opposizioni, non solo, il Consigliere Garau è anche Presidente della commissione consigliare “Controllo e Trasparenza”, attività molto difficile da espletare se non si ricevono gli atti richiesti. Il Psd’az sottolinea: “L’azione sardista è stata sempre improntata alla massima serietà e non possiamo dibattere su importanti provvedimenti amministrativi se prima non abbiamo compiuto una completa e approfondita analisi degli atti in questione. L’abbandono dell’aula è stato il primo eclatante gesto di protesta a cui seguiranno altre iniziative nelle diverse sedi istituzionali, il Partito Sardo d’Azione di Assemini non lascerà che i principi fondamentali delle regole democratiche vengano spenti dalla sorda indifferenza di coloro che dovrebbero tutelarli. Stiano pure tranquilli quelli che vorrebbero impedirci di esercitare il controllo amministrativo, il loro atteggiamento per noi rappresenta uno stimolo ulteriore per continuare l’azione di trasparenza e controllo a beneficio di tutti i cittadini di Assemini che meritano rispetto e correttezza”.


In questo articolo: