Assemini, il sottopassaggio-porcilaia: “Neanche le telecamere fermano gli incivili”

La “pancia” della stazione, tra via Coghe e la chiesa di San Pietro, è meta di incivili. Bottiglie di vetro, sacchetti di cibo e mozziconi di sigarette. Monta la protesta: “I bambini che vanno a catechismo passano in mezzo all’immondezza”

Degrado nel sottopassaggio della stazione che unisce la zona di via Coghe fino alla chiesa di San Pietro. Ci sono addirittura le telecamere, che però sembrano non scoraggiare gli incivili. Nelle scale c’è un tappeto di rifiuti, con il vento che li sparpaglia lungo tutta l’area. E le proteste da parte dei cittadini di Assemini non si fanno attendere.
“Questo è lo stato nella quale stamattina abbiamo trovato il sottopassaggio della stazione che congiunge la zona di via coghe alla chiesa di San Pietro ,che a noi genitori con bambini frequentanti il catechismo é molto comodo per raggiungere la chiesa a piedi visti i pochi parcheggi, siamo dovuti passare in mezzo all’immondezza”, scrive Eliana Collu, che pubblica anche varie foto che lasciano spazio a ben poche interpretazioni. “Inciviltà dell’essere umano, non sono stati fermarti neanche da 4 telecamere”.