Assemini, pulisce i bisognini lasciati da un cane randagio e viene multata dai vigili “per l’acqua ristagnante”

La disavventura capitata a Emanuela Serra, titolare di un negozio nella centralissima via Cagliari ed ex consigliera: “Tutto ciò è vergognoso. Dove sarebbe il pericoloso ristagno d’acqua? Pagherò i 61,45 euro totali della contravvenzione, ma così vale davvero il detto fai bene e vai in galera”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Ha preso la scopa e un secchio pieno d’acqua per togliere le urine e le feci di un cane davanti al suo negozio, in via Cagliari. Peccato, però, che a pulizia ultimata Emanuela Serra, commerciante di Assemini ed ex consigliera comunale, si sia ritrovata davanti agli occhi una pattuglia della polizia Locale. Gli agenti hanno scattato qualche foto e poi compilato la multa: “Gettava e spandeva con una scopa della materia liquida con un secchio, acqua insaponata con molta schiuma, nel marciapiede antistante, anzichè versarlo nell’impianto fognario creando del ristagno d’acqua, estremamente pericoloso per i pedoni”. Multa da cinquanta euro: “61,45, alla fine”, precisa la Serra. Che ha deciso di rendere pubblico il fatto: “Stavo pulendo, quando si dice fai il bene e vai in galera. Il ristagno d’acqua estremamente pericoloso è quello che si vede in foto”, prosegue la commerciante. Che, per un attimo, ha anche pensato di fare ricorso: “Ma alla fine, tra negozio e famiglia ho i tempi stretti, non ce la farei”.
E allora, a malincuore, aprirà il portafoglio: “Sono arrabbiata non tanto per i soldi da pagare, quanto proprio per la multa. C’era solo un po’ d’acqua, non vedo tutto questo grosso rischio”.


In questo articolo: