Assemini, muore intossicato mentre fa la guardia alla sua azienda: “Federico sarebbe andato in pensione tra un mese”

Le esalazioni del monossido di carbonio sprigionate da un braciere acceso per riscaldarsi hanno ucciso Federico Massa. 62 anni, gestiva con i 5 fratelli una segheria. Lo strazio della moglie, Tiziana: “Uno stacanovista del lavoro, ha fatto di tutto per portare avanti la famiglia. Non abbiamo litigato, ogni tanto dormiva accanto ai capannoni per evitare furti”. La figlia Michela: “Ero la sua spalla nell’azienda, lui la persona più importante della mia vita”. Lunedì il funerale ad Assemini


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Stava accarezzando, giorno dopo giorno, quella realtà, la “pensione” non più come una semplice parola ma come una bella realtà, dopo aver lavorato sin da giovane e tirato su una famiglia, dando certezze alla moglie e ai tre figli, due maschi e una femmina. Invece, il destino ha giocato un tragico scherzo a Federico Massa, 62enne nato a Sarroch ma residente da tantissimo tempo a Selargius, nella zona di Is Corrias. Durante una delle notti che, ogni tanto, passava in azienda, il braciere acceso per riscaldarsi ha emanato troppo monossido di carbonio, non lasciandogli scampo. È morto intossicato nel sonno, quando all’alba uno dei suoi cinque fratelli l’ha trovato, esanime, era troppo tardi. Era il titolare della segheria che si trova sulla terza strada di Macchiareddu, in territorio di Assemini, Federico. Un ruolo apicale che però era solo sulla carta e sui documenti ufficiali: nella vita di tutti i giorni, la collaborazione tra fratelli era “alla pari”, ognuno aveva ruoli ben chiari per portare avanti l’azienda aperta nel lontano 1983 e che era riuscita a ottenere lavori e commesse in tutta la Sardegna. “Non abbiamo litigato”, dice in lacrime la moglie, Tiziana Carboni, smentendo una primissima ricostruzione dei fatti. La notte in azienda era già programmata da tempo: “Ogni tanto andava lì perchè c’è il rischio di ricevere qualche visita dai ladri. Gli mancava un mese esatto alla pensione, mio marito è sempre stato una stacanovista del lavoro e ha fatto tutto quello che c’era da fare per portare avanti e non fare mancare mai nulla alla famiglia”.
Un anno fa era anche diventato nonno, a regalargli l’immensa gioia l’unica figlia femmina, Michela: “Papà è stato la figura più importante nella mia vita, quando sono diventata mamma era quasi stato più per vederlo felice che per il fatto in sè di diventare mamma. Ero la sua spalla in azienda, adesso andare avanti sarà difficile”. Il funerale di Federico Massa sarà celebrato lunedì 19 febbraio nella stessa chiesa dove si era sposato con Tiziana, quella di San Pietro ad Assemini.


In questo articolo: