Assemini, il Comune si lascia sfuggire il bonus europeo per assumere dipendenti

La minoranza insorge: “Non aver colto questa opportunità è uno schiaffo” esprime Diego Corrias, 5 Stelle.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Personale in fuga verso la Regione, una problematica che riguarda tanti Comuni che si ritrovano con pochi dipendenti e a dover fare i salti mortali per espletare, a volte, anche le pratiche più semplici e di routine. “Garantire servizi efficienti e capacità di programmazione e attuazione di progetti richiede un rafforzamento amministrativo importante attraverso l’inserimento di nuove risorse umane e nuovi profili per intercettare le risorse comunitarie e gestire dal punto di vista tecnico e finanziario i progetti secondo le regole che i fondi europei e il PNRR richiedono” spiegano i firmatari penta stellati Corrias, Garau, Sanna dell’interrogazione presentata i giorni scorsi.

Un avviso pubblico, finalizzato alla acquisizione delle manifestazioni di interesse per raccogliere il fabbisogno di personale per l’assunzione a tempo indeterminato, senza nessun onere per i bilanci dei Comuni per tutti gli anni di contratto giacché i costi sono coperti dal fondo europeo FESR fino al 2029 e da fondi statali dal 2030, si rivolgeva a Comuni, Unioni di Comuni, Amministrazioni Regionali, Province e Città Metropolitane delle Regioni Basilicata, Campania, Calabria, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia che fossero soggetti attuatori di progetti finanziati da fondi europei e delle politiche di coesione. “Il Comune di Assemini aveva i requisiti per accedere all’avviso;

le manifestazioni di interesse potevano essere presentate a partire dalle ore 12:00 di giovedì 30 novembre 2023 e fino alle ore 12:00 di martedì 30 gennaio 2024 presentando attraverso una semplice procedura telematica”.

 

“Nel periodo di apertura non risulta adottata da parte della Giunta comunale di Assemini nessuna deliberazione in merito alla partecipazione all’avviso in parola, per cui con tutta evidenza il Comune di Assemini non ha presentato domanda”. Una richiesta quindi ai rappresentanti dell’istituzione locale per sapere se “l’amministrazione comunale era a conoscenza dell’opportunità offerta dall’avviso; se sì, quali ragioni hanno condotto l’amministrazione alla decisione di non partecipare all’avviso e privare il Comune di Assemini della possibilità di “prenotare” l’arrivo di personale qualificato a tempo indeterminato senza oneri per le casse comunali;

quali eventuali azioni alternative ha in previsione l’amministrazione comunale per affrontare la carenza di organico del Comune di Assemini”.


In questo articolo: