Arte e cultura sotto le stelle: con prosa, musica, danza e teatro tutti gli appuntamenti dell’estate in Sardegna

Dodici titoli in cartellone per ventiquattro appuntamenti tra luglio e settembre, tra raffinate pièces, recitals e concerti, performances spettacolari e progetti site specific in sei città con i grandi nomi della scena nazionale e internazionale

Arte e cultura sotto le stelle dell’Isola con il ricco e interessante programma della Stagione di Prosa Musica Danza & Teatro Circo organizzata dal CeDAC / Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo dal Vivo in Sardegna per l’Estate 2021 con il patrocinio e il sostegno del MiC e della Regione Sardegna, con il patrocinio del Comune di Alghero e il sostegno della Fondazione Alghero, con il contributo del Comune di Olbia e il sostegno del Consorzio di Porto Rotondo e con il patrocinio e il sostegno dei Comuni di Carbonia, Oristano, Macomer e San Gavino Monreale: dodici titoli in cartellone per ventiquattro appuntamenti tra luglio e settembre, tra raffinate pièces, recitals e concerti, performances spettacolari e progetti site specific in sei città con i grandi nomi della scena nazionale e internazionale.

Tra i protagonisti Caterina Murino e Stefano Artissunch, il chitarrista e compositore Mark Lettieri (Snarky Puppy), il giornalista e storyteller Federico Buffa e l’aristocratica Drusilla Foer, l’attore e cantante Maurizio Rippa, il pianista Giovanni Guidi con James Brandon Lewis (sax tenore) e Gianluca Petrella (trombone), Brandon Lopez (basso), Chad Taylor e Francisco Mela (batteria e percussioni) e il cantautore Marcello Murru. Le “danze guerriere” di Valeria Russo e Lucas Monteiro Delfino e le coreografie di Stefano Mazzotta (Zerogrammi), l’arte della clownerie tra lirica e pop con la Compagnia Trioche, le novelle del “Decameron” con Andrea Tedde e infine travolgenti metriche caraibiche e Latin Jazz con la cantante cubana Irina Arozarena e l’ensemble Cuban Jazz & Blues.

Sei palcoscenici dell’Isola – da Lo Quarter di Alghero all’Arena Mirastelle e l’area archeologica di Monte Sirai a Carbonia, l’Anfiteatro “Mario Ceroli” a Porto Rotondo, la scenografica piazza Cattedrale ad Oristano, il cortile delle ex Caserme Mura a Macomer e l’Anfi/Teatro Comunale di San Gavino Monreale – per un’intensa estate con un ricco carnet di eventi capaci di attrarre diverse fasce di pubblico, dagli amanti della prosa agli appassionati di jazz, tra ritratti al femminile e storie di sport, seducenti geometrie di corpi in movimento, un omaggio a Gato Barbieri e canzoni d’autore.

IL CARTELLONE

Fuga dal labirinto e dai nuovi “mostri” ne “Il Filo di Arianna. Cronaca di Donne Annunciate”, con Caterina Murino e Stefano Artissunch, che firma anche la regia (produzione Danila Celani per Synergie Teatrali – con il patrocinio del Telefono Rosa): le eroine del mito, a partire da Arianna, la principessa cretese simbolo dell’intelligenza femminile, e poi Medea, Fedra ed Elena ma anche la “pacifista” Lisistrata, si raccontano e illuminano il cammino verso la libertà. (8 luglio h 21 Alghero, 9 luglio h 21 Olbia, 10 luglio h 21 San Gavino, 11 luglio h 21 Macomer)

Le cronache della pandemia si intrecciano alle maliziose novelle del “Decameron” di Giovanni Boccaccio in “Che lo spettacolo abbia inizio” scritto, diretto e interpretato dall’attore e regista Andrea Tedde, in scena con Francesco Peddoni (nuova produzione di Batanea Teatro): una riflessione sul presente e sulle conseguenze del lockdown, in un gioco di specchi con la peste del Trecento e i racconti delle fanciulle e dei giovani, come stratagemma per ingannare il tempo. (sabato 10 luglio – h 21 a Carbonia – prima nazionale)

Si ispira al romanzo “Os Pobres” (I Poveri) dello scrittore e storico portoghese Raul Brandao, l’“Elegìa delle cose perdute” del coreografo Stefano Mazzotta (Zerogrammi) creata con e interpretata da Alessio Rundeddu, Amina Amici, Damien Camunez, Gabriel Beddoes, Manuel Martin, Miriam Cinieri e Riccardo Micheletti: una narrazione per quadri sul tema «dell’esilio, della nostalgia… della memoria come materia che determina la traccia delle nostre radici e identità». (giovedì 15 luglio h 19 Monte Sirai-Carbonia – martedì 20 luglio h 21 Lo Quarter-Alghero)

Il fascino del jazz con il Mark Lettieri Quartet capeggiato dal brillante chitarrista e compositore statunitense, vincitore di tre Grammy Awards con i celeberrimi Snarky Puppy, in vetta alle classifiche con il suo nuovo album “Things of That Nature”: sotto i riflettori, accanto a Mark Lettieri, Daniel Porter alle tastiere, Wes Stephenson al basso e Jason Thomas alle percussioni per un coinvolgente itinerario sul filo delle note e delle emozioni. (venerdì 16 luglio h 21 Lo Quarter-Alghero – sabato 17 luglio h 21 Arena Mirastelle-Carbonia)

S’intitola “Ojos de Gato” l’appassionato tributo al grande sassofonista argentino Gato Barbieri firmato dal pianista e compositore Giovanni Guidi, tra gli artisti più interessanti del panorama jazzistico italiano contemporaneo, sul palco con il formidabile ensemble che schiera James Brandon Lewis (sax tenore) e Gianluca Petrella (trombone), con la travolgente sezione ritmica formata da Brandon Lopez al basso e Chad Taylor e Francisco Mela dietro piatti e tamburi. (lunedì 19 luglio – ore 21 Anfiteatro Mario Ceroli di Porto Rotondo – Olbia)

Riflettori puntati sul cantautore ogliastrino Marcello Murru in trio con Riccardo Manzi alla chitarra e Alessandro Gwis al pianoforte sulle note di “Diavoli Storti”, il nuovo album (distribuito da Rea/ Edizioni Musicali) tra raffinate e intimistiche ballads che raccontano di amori finiti e sogni perduti, di solitudine e di rimpianti, dell’età dell’innocenza e del ritmo incessante della pioggia, tra la nostalgia dei suoni e della lingua di una terra dove “danzamos liberos”. (giovedì 29 luglio h 21 Lo Quarter-Alghero)

Il rito del calcio e il trionfo della nazionale azzurra in Spagna nel 1982 rivivono in “Italia Mundial”, il nuovo spettacolo del giornalista e telecronista sportivo Federico Buffa (produzione IMARTS): una avvincente cronaca della vittoria, tra i goals di Paolo Rossi e le parate di Dino Zoff in una notte indimenticabile al Bernabéu, e ancora un ritratto dell’allenatore Enzo Bearzot, l’urlo di Marco Tardelli e l’esultanza del presidente Sandro Pertini per una moderna epopea sportiva. (lunedì 2 agosto h 21 Lo Quarter-Alghero – martedì 3 agosto h 21 Arena Mirastelle-Carbonia)

Ammalianti poesie in musica per colmare il vuoto dell’assenza in “Piccoli Funerali” di e con Maurizio Rippa, sulle note della chitarra di Amedeo Monda (produzione 369gradi): un recital intimistico e a tratti struggente dove, come nella celebre “Antologia di Spoon River” di Edgar Lee Masters, l’attore e cantante allievo di maestri come Carmelo Bene e Danio Manfredini rievoca personaggi veri e inventati per fargli narrare la propria storia e dedicare loro una canzone. (8 agosto h 21 Alghero, 9 agosto h 21 San Gavino, 10 agosto h 21 Olbia, 11 agosto h 21 Carbonia)

Drusilla Foer, nobildonna fiorentina maestra di stile e castigatrice del malcostume, (si) racconta in “Eleganzissima” tra ricordi e aneddoti di una vita straordinaria, incontri significativi e profonde amicizie con persone fuori dal comune e celebrità del mondo della cultura e dello spettacolo, sulla colonna sonora disegnata da Nico Gori al clarinetto e al sax e Loris Di Leo al pianoforte, in una scintillante (auto)biografia impreziosita da melodie indimenticabili, da Battiato a Gaber a Milly. (19 agosto h 21 Alghero, 20 agosto h 21 Porto Rotondo – Olbia, 21 agosto h 21 Oristano)

Un leggendario samurai ispira le “danze guerriere” di “Zatò e Ychì” (produzione ASMED / Balletto di Sardegna) con ideazione e regia di Senio G. B. Dattena e coreografie di Valeria Russo e Lucas Monteiro Delfino, anche protagonisti sulla scena al ritmo delle percussioni di Marco Caredda: «per noi Zatoychi divide in due la sua anima, scindendosi in forma maschile e femminile, e diventa Zatò & Ychì, che si scontrano in tre cruentissimi combattimenti» con un finale rarefatto e nudo. (giovedì 26 agosto h 21 anfi/teatro-San Gavino, venerdì 27 agosto h 21 ex Caserme Mura-Macomer)

PapagHeno PapagHena – i pappagalli di Mozart” per un viaggio nelle atmosfere de “Il flauto magico” con la Compagnia Trioche: Irene Geninatti Chiolero, Franca Pampaloni, Nicanor Cancellieri reinterpretano le più famose arie del Singspiel tra virtuosismi canori, pop e clownerie con la regia di Rita Pelusio, per rappresentare i due buffi pappagalli, comici e tragici, sgraziati e poetici, protagonisti del capolavoro del geniale compositore per il divertimento di grandi e piccini. (venerdì 3 settembre h 21 cortile ex Caserme Mura – Macomer)

Finale in musica con la cantante de La Habana Irina Arozarena e l’ensemble Cuban Jazz & Blues formato da Paolo Iurich (pianoforte e arrangiamenti), Juan Carlos Albelo Zamora (violino, tromba, armonica cromatica e voce), Tiberio Ripa (basso e voce), Valter Paiola (congas, voce e trombone) e Yoandy Armenteros (timbales e voce) tra le sonorità e i ritmi della tradizione cubana, con un ricco repertorio che spazia dal Mambo alla Rumba, dal Bolero al Latin Jazz. (sabato 4 settembre h 21 anfiteatro – San Gavino Monreale)

La Stagione di Prosa Musica Danza & Teatro Circo – Estate 2021 è organizzata dal CeDAC / Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo dal Vivo in Sardegna con il patrocinio e il sostegno del MiC / Ministero della Cultura e dell’Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport della Regione Autonoma della Sardegna, con il patrocinio del Comune di Alghero e il sostegno della Fondazione Alghero, con il contributo del Comune di Olbia e il sostegno del Consorzio di Porto Rotondo, con il patrocinio e il sostegno del Comune di Carbonia, del Comune di Oristano, del Comune di Macomer e del Comune di San Gavino Monreale, con il prezioso contributo della Fondazione di Sardegna e il supporto di Sardinia Ferries che ospita sulle sue navi artisti e compagnie in viaggio per e dalla Sardegna.