Arst, accordo per potenziare le corse con trenta autobus aggiuntivi nelle zone a rischio affollamento

Ora, con l’inserimento di ulteriori autobus negli stessi orari delle corse previste, l’ARST mira a fugare ogni ragionevole e possibile preoccupazione dei viaggiatori, intervenendo lungo le direttrici più frequentate come Iglesias, nel Sulcis, Senorbì, nel Sud Sardegna, infine nelle province di Oristano e di Sassari. 

E’ stato sottoscritto nella serata di ieri l’accordo tra ARST e ANAV, l’Associazione Nazionale Autotrasporto Viaggiatori rappresentata per la Sardegna dal Presidente Matteo Baire.

L’accordo consentirà all’ARST di potenziare i servizi di trasporto pubblico locale e, in particolare, di garantire maggior sicurezza agli studenti pendolari potenziando i collegamenti extraurbani in tutti i territori dell’Isola.

Una trentina le corse integrative già dalla prossima settimana, su un centinaio individuate, assolvendo da subito all’esigenza di evitare quelle situazioni nelle quali vi è una percezione di sovraffollamento, “pur consapevoli – sostengono i vertici di ARST – che dalle verifiche effettuate costantemente anche attraverso l’uso delle telecamere di bordo, il parametro dell’80% della capienza massima risulta comunque sostanzialmente rispettato”.

Ora, con l’inserimento di ulteriori autobus negli stessi orari delle corse previste, l’ARST mira a fugare ogni ragionevole e possibile preoccupazione dei viaggiatori, intervenendo lungo le direttrici più frequentate come Iglesias, nel Sulcis, Senorbì, nel Sud Sardegna, infine nelle province di Oristano e di Sassari.

L’incremento dei mezzi e delle corse sarà principalmente al servizio delle scuole e si avvarrà della collaborazione di aziende private associate all’ANAV che si occupano di trasporto in questa delicatissima fase di emergenza per i contagi da Covid-19.

“L’emergenza che stiamo vivendo chiama in causa il senso della responsabilità di tutti noi, che deve tradursi in azioni concrete tese ad alleviare le situazioni più critiche”, sostiene il Presidente regionale di ANAV Matteo Baire. “In questo contesto – conclude – il sistema di trasporto dei passeggeri assume una rilevanza ancor più eccezionale per le difficoltà che conosciamo e come ANAV regionale, in sinergia con ARST, siamo prontamente impegnati a sostenere”.


In questo articolo: