Ancora una notte di sbarchi: 49 migranti algerini soccorsi nelle coste del Sud Sardegna

Sono quarantanove i migranti sbarcati nella notte tra Porto Pino, Cala Sapone e Sant’Antioco. In due giorni sono giunti 233 algerini, centri di accoglienza al collasso

Ancora una notte di sbarchi di migranti nelle coste del Sud Sardegna. Tre, nelle ultime ore: 17 a Cala Sapone, 12 a Porto Pino e 20 all’interno del porto di Sant’Antioco, che si sono fermati  proprio davanti alla sezione navale delle fiamme gialle; in totale 49 persone tutte provenienti dall’Algeria. Sono tutti uomini e un bambino. Sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir, ormai al collasso. In poco più di due giorni sono giunti infatti nelle coste sarde 233 algerini.

Ieri il Governatore Pigliaru ha inviato l’ennesima lettera al Ministro dell’Interno Marco Minniti: “Ritengo necessario moltiplicare gli sforzi affinché il passaggio di migranti dall’Algeria cessi al più presto. A questo fine chiedo quali azioni concrete ed urgenti il Governo intende mettere in campo per frenare con la necessaria urgenza gli sbarchi, garantire l’immediato rimpatrio e, al contempo, rinforzare la presenza delle forze di polizia nelle aree di approdo”.

“Torno sul tema delle mie precedenti missive – scrive Francesco Pigliaru –  per condividere lo sviluppo della situazione nelle ultime settimane e le più recenti e preoccupanti novità di queste ultime ore. Gli sbarchi di migranti dall’Algeria sono in costante aumento, al punto che, ad oggi sono stati già raggiunti e superati  i numeri dell’intero 2016, nel quale i migranti giunti nella costa sud-occidentale dell’isola  sono stati 1106”.


In questo articolo: