Al via Agorà Nuragica 2014

Giovedì 18 dicembre a Cagliari l’inaugurazione

Si è tenuta ieri con successo la conferenza stampa di presentazione della manifestazione “Agorà Nuragica 2014”:
«In Egitto o in Messico il turismo non necessariamente viene portato avanti da esperti in materia  – spiega Paolo Littarru, presidente associazione Agorà Nuragica –  o perlomeno così lì non nasce. Il nostro patrimonio ha una valenza non inferiore a tali luoghi. Dovremmo quindi fare in modo che più persone possibili possano fruire di questi beni ancora inesplorati. A Isili, ad esempio – prosegue Littarru – vi è un sito che da solo risulta un unicum, sconosciuto ai più. Esso regala uno spettacolo mozzafiato». Il presidente di Agorà Nuragica conclude infine sostenendo che «nonostante le riviste del settore sostengano pienamente le teorie archeoastronomiche, risulta paradossale che, invece, nessuno in Sardegna voglia confutare tali teorie: il mondo accademico rimane sordo mentre i media tacciono. Nel frattempo uno studioso emerito come Clive Ruggles, professore di Archeoastronomia della Scuola di Archeologia e Storia Antica dell’Università di Leicester, Gran Bretagna, dedica due capitoli del suo libro Handbook of Archaeoastronomy and Ethnoastronomy al patrimonio sardo».
Giorgio Valdes, vicepresidente Nurnet, sostiene che «il lavoro di Nurnet è ovviamente orientato alla conoscenza scientifica ma servirebbe anche attrarre un bacino d’utenza non esperto sull’argomento», come è nella mission della manifestazione Agorà Nuragica.
Lo studioso Mauro Peppino Zedda asserisce, invece, «che bisogna attivarsi per valorizzare l’archeoastronomia e prendere spunto dai siti già ampiamente “sfruttati”. Il fenomeno solstiziale, infatti – aggiunge Zedda – può essere “utilizzato” con animazioni e mezzi tecnologici che possono riprodurre il fenomeno tutto l’anno. Si tratterebbe, quindi, di una risorsa culturale che diventa valore aggiunto». Zedda tiene inoltre a precisare che «l’archeoastronomia non è fantascienza: ad Isili vi è un esempio di sistema archeoastronomico riscontrabile da una disposizione nuragica messa in campo sulla falsariga di quelle mesoamericane. Un allineamento perfettamente funzionale al solstizio».
 
Inaugura giovedì 18 dicembre a Cagliari, a partire dalle 9.30, presso la sala settecentesca della Biblioteca Universitaria di via Università, la manifestazione “Agorà Nuragica 2014”, promossa dall’Associazione Culturale Caravella con la collaborazione dell’associazione Agorà Nuragica e con il contributo dell’Assessorato al Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Autonoma della Sardegna.
L’iniziativa, che consta in un mix tra visite guidate, convegni, corsi di specializzazione per guide turistiche ed una mostra, mira a trasformare la scienza archeoastronomica in un possibile volano per il turismo in Sardegna, attraverso l’implementazione dell’offerta turistica del settore archeologico.
Agorà Nuragica vuole essere un evento in grado di diffondere conoscenza, cultura, formazione e aumentare così l’insieme dell’offerta turistica regionale, con lo scopo finale di arrivare alla creazione di un innovativo brand turistico sino ad oggi rimasto inutilizzato: l’archeoastronomia e i nostri siti archeologici.
Agorà Nuragica prende il nome dall’omonima associazione culturale che negli anni si è battuta e ha lavorato per diffondere le scoperte scientifiche e portarle a conoscenza dell’opinione pubblica attraverso una notevole mole di lavoro che ha contribuito a creare numerosi convegni culturali internazionali e una notevole visibilità mediatica.
L’archeoastronomia è la scienza che studia le relazioni tra le caratteristiche dei monumenti archeologici e gli eventi astronomici con cui tali costruzioni possono essere messe in relazione. Si tratta, perciò, di una disciplina scientifica che incorpora l’archeologia e la storia dell’astronomia, unendo e ampliando il fascino di entrambe. 
L’archeoastronomia costituisce materia di studio universitario in diverse università europee e, da qualche anno, anche al Politecnico di Milano. Il progetto “Agorà Nuragica 2014” ha l’obiettivo di valorizzarne le scoperte applicandole al settore turistico, costruendo così un nuovo pacchetto per l’offerta turistica destagionale, con un potenziale attrattivo destinato a crescere di anno in anno.
Tra i molteplici aspetti su cui l’archeoastronomia indaga vi è lo studio dell’orientamento delle antiche costruzioni, siano esse di carattere funerario, sacro o profano, cercando di capire se l’orientamento possa essere figlio di motivazioni astronomiche. Un esempio pratico, di fama mondiale, può essere il sito britannico di Stonehenge, dichiarato patrimonio mondiale per l’umanità dall’UNESCO.
Numerosi studi degli ultimi 20 anni, pubblicati sulle principali riviste scientifiche internazionali, hanno dimostrato inequivocabilmente come anche i nuraghi siano stati costruiti seguendo dei precisi parametri astronomici. 
Analizzando l’insieme dei siti archeologici sardi, infatti, si può affermare con certezza che l’impianto planimetrico dei nuraghi complessi è astronomicamente orientato verso il sorgere del sole o della luna ai solstizi e lunistizi. 
Uno dei tanti esempi è ravvisabile nella valle di Brabaciera di Isili , dove la totalità dei nuraghi presenti risultano allineati lungo angolazioni coincidenti con le linee solstiziali e lunistiali.
L’orientamento, la stessa concezione astronomica, di molti siti archeonuragici e chiese romaniche sarde, costituiscono ormai un dato di fatto scientifico internazionalmente riconosciuto.
Partendo da queste basi scientifiche, supportate da studi, abbiamo ideato un progetto finalizzato ad arricchire l’offerta turistica. Abbiamo selezionato diversi siti archeologici come Meana Sardo, Bonorva, Aidomaggiore, Isili e Torralba e li abbiamo inseriti in un programma di visite guidate all’interno del contesto archeoastronomico. I convegni scientifici che si terranno a Cagliari il 18 dicembre e le microconferenze di Meana Sardo (19), Thiesi (20) e Isili (21) e i corsi di specializzazione in chiave archeoastronomica per guide turistiche completeranno la manifestazione.
Le visite guidate, organizzate dall’associazione Agorà Nuragica e dall’Associazione Caravella con la collaborazione delle Pro Loco, si terranno dal 19 al 21 dicembre al nuraghe Nolza di Meana Sardo, al nuraghe Sa Jua di Aidomaggiore, al nuraghe Santu Antine di Torralba, Domus de Janas di Sant’Andrea Priu e al nuraghe Antine di Isili.
Il 16 gennaio si terrà inoltre un convegno, dal titolo “Archeoastronomia e chiese romaniche”, sull’orientamento di alcune chiese romaniche sarde, come San Saturnino. La manifestazione “Agorà Nuragica 2014”, inoltre, verrà chiusa da una mostra itinerante.
 
Il patrimonio archeologico sardo: un settore enormemente depotenziato e da sfruttare. Investire in un settore che rilanci il turismo extra-stagionale.
La Sardegna è una regione dove il settore turistico dovrebbe costituire la fonte primaria di reddito e occupazione. L’Associazione Culturale Caravella ha ideato e realizzato questo progetto con lo scopo di sfruttare e potenziare delle risorse uniche al mondo e allo stesso tempo centrare l’obiettivo di diversificare l’offerta turistica. 
La promozione e la diffusione dell’archeoastronomia applicata ai siti nuragici e a diversi casi di chiese romaniche, permetterebbe, già nel breve periodo, di attirare una grossa fetta di visitatori extrastagionali. La Sardegna non è solo mare e non è solo eno-gastromia. Promuovere la cultura e la nostra identità storica costituirebbe un ulteriore investimento indiretto.
Gli effetti legati all’osservazione degli eventi archeoastronomici sui monumenti sardi sono spettacolari e di grande effetto e costituirebbero, se opportunamente valorizzati, un’immensa attrattiva turistica. Il sito inglese di Stonehenge, da prendere come esempio di marketing e offerta turistica, soltanto durante il solstizio del 21 giugno 2005 è visitato da circa 19.000 persone. In un giorno soltanto. Una cifra, ad oggi, neanche lontanamente raggiunta da tutti i nostri siti nuragici.  
Se consideriamo l’immenso valore del nostro patrimonio archeologico, è facile intuire l’enorme potenziale turistico che l’organizzazione di un evento come “Agorà Nuragica 2014” avrebbe sull’intero settore.
La manifestazione “Agorà Nuragica 2014” è promossa dall’Associazione Culturale Caravella con il contributo dell’Assessorato al Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Autonoma della Sardegna e con la collaborazione dell’associazione Agorà Nuragica, del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, della Biblioteca universitaria di Cagliari, della fondazione Nurnet e con i comuni e le Pro Loco di Isili, Meana Sardo, Thiesi, con l’associazione Archeologica Bonorvese e con la Società Cooperativa Ortuabis. 
 
Programma AGORÀ NURAGICA
 
18 dicembre
Archeoastronomia e turismo culturale in Sardegna
Cagliari, sala settecentesca Biblioteca Universitaria, via Università, 32/a
Modera i lavori la giornalista Alessandra Addari
Ore 9.30 Apre i lavori la dott.ssa Ester Gessa, responsabile istituto Biblioteca Universitaria di Cagliari, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT);
Ore 9.40 presentazione del progetto Agorà Nuragica;
Ore 9.45  saluti di Francesco Morandi, Assessore regionale al Turismo, artigianato e commercio Regione autonoma della Sardegna;
Ore 10.00 Paolo Littarru, presidente associazione Agorà Nuragica: Handbook of Archaeoastronomy and ethnoastronomy
Ore 10.20 Nicola Manca, consigliere d’amministrazione Nurnet: Turismo culturale in Sardegna
Ore 10.40 Armando Serri: Patrimonio culturale, specchio e vetrina di identità
Ore 11.00 Daniele Congiu: Archeoastronomia e turismo culturale
Ore 11,20 Franco Laner: Ricadute culturali e turistiche della valorizzazione del patrimonio nuragico
Ore 11.40 dibattito
 
– Pausa pranzo
 
Modera i lavori il giornalista Andrea Curreli
Ore 15,30  ripresa lavori
Ore 15.40 Paolo Littarru: Il significato astronomico del pozzo sacro di Santa Cristina a Paulilatino
Ore 16.00 Marco Sanna: Analisi della disposizione del Santu Antine e dei nuraghi circonvicini
Ore16.20  Mauro Peppino Zedda: Il significato astronomico dei nuraghi
Ore 16.40 Franco Laner: Cambio di paradigma nella ricerca archeologica in Sardegna
Ore 17.00 dibattito
 
19 dicembre
Nuraghi Icona del Cosmo
Meana Sardo, presso salone San Bartolomeo
Ore 17,00 apertura lavori
Ore 17,10  Paolo Littarru: Studi archeoastronomici sulla Sardegna, nel panorama scientifico internazionale
Ore 17,30 Mauro Peppino Zedda : Orientamento astronomico del nuraghe Nolza
Ore 17,50 Augusto Mulas : Analisi preliminare dell’orientamento delle “capanne delle riunioni” nuragiche
Ore 18.10 Franco Laner: Nuraghi Icona del Cosmo
Ore 18.30 dibattito
 
20 Dicembre
Handbook of Archaeoastronomy and ethnoastronomy
Thiesi, presso sala Aligi Sassu
Ore 17,00 apertura lavori
Ore 17.10  Paolo Littarru: Handbook of Archaeoastronomy and Ethnoastronomy
Ore 17,30 A.Mulas e M. Sanna: Analisi della disposizione del Santu Antine e dei nuraghi circonvicini
Ore 17.50 Mauro Peppino Zedda: Il significato astronomico del nuraghe Santu Antine
Ore 18.10 Franco Laner: Funzione, simbolo e costruzione dei nuraghi
ore 18.30 dibattito
 
21 Dicembre
Astronomia nuragica
Isili, presso sala conferenze Centro Sociale
Ore 9.20 apertura lavori
Ore 9.30 Efisio Santi, presenta il  film documentario Astronomia Nuragica
Ore 9.45 proiezione del documentario
Ore 10.30 dibattito
 
Nei giorni 19, 20 e 21 Dicembre, si potrà assistere al fenomeno solstiziale invernale, con visite guidate, nei seguenti luoghi:
Al nuraghe Nolza di Meana Sardo, appuntamento presso il nuraghe fissato per le 7.30;
Al nuraghe Santu Antine di Torralba, appuntamento presso il nuraghe fissato per le 7.30;
Alle Domus de Janas Sant’Andrea Priu di Bonorva, appuntamento fissato per le ore 14.00;
Al Nuraghe Sa Jua ad Aidomaggiore alle 7.30;
Al nuraghe Antine di Isili , appuntamento  presso il nuraghe Is Paras per le 7.00 e successivo spostamento verso il nuraghe Antine.
 
 
 


In questo articolo: