Aiutiamo Thomas a vincere la battaglia più importante della sua vita

Il ragazzo di Terralba in coma per un incidente di moto può essere salvato

Due anni fa un brutto incidente in moto. E’ l’inizio dell’incubo. La vita di un’intera famiglia sconvolta dal dramma. Thomas Cadelano, 30 anni di Terralba, ragazzo allegro, solare e con tanta voglia di vivere, dal giorno trascorre le sue giornate a casa, seduto in una carrozzina. Per i genitori la condanna di non veder più il sorriso del loro ragazzo. Perché Thomas non parla più, non ride più.

Nel buio, una luce. Thomas potrebbe tornare il ragazzo di prima. Lo dice il professor Leopold Saltuari, docente di neurologia e primario della clinica universitaria di Innsbruck, dove dirige anche una clinica specializzata nel paese di Hochzirl. E’ uno dei massimi esperti in neurologia e nella terapia riabilitativa di persone che sono state in coma.

Il primario dopo aver visitato Thomas ha diagnosticato un percorso di riacquisizione delle sue abilità, dando buone speranze di recupero ai genitori.

Le cure ci sono ma costano, tanto, e impediscono ai genitori di affrontarle da soli.

Un gruppo di amici e parenti di Thomas, non si è voluto arrendere ed ha deciso di rivolgersi a tutti i sardi: “insieme possiamo dare la possibilità a Thomas di provare a ritrovare il sorriso. Basta un minimo sforzo, un piccolo contributo”.

In poche parole chiedono di versare qualche euro nel conto corrente dei genitori (Codice iban IT68J0117400001023691700) per riuscire a racimolare la cifra che consentirà a Thomas di volare nella clinica del professor Saltuari