Crisi Air Italy, a rischio oltre mille lavoratori in Sardegna: “Governo immobile, Draghi intervenga”

Appello della presidente della commissione Lavoro della Camera Mura: ““E’ inaccettabile l’inerzia e il palese disinteresse dimostrato finora dal Governo per i 1300 lavoratori di Air Italy che stanno per essere licenziati. E’ anche incomprensibile che la crisi della compagnia, a differenza di altre e nonostante ripetuti appelli, sia stata trascurata in modo quasi deliberato, lasciando che si arrivasse a una situazione estrema di non ritorno”

“E’ inaccettabile l’inerzia e il palese disinteresse dimostrato finora dal Governo per i 1300 lavoratori di Air Italy che stanno per essere licenziati. E’ anche incomprensibile che la crisi della compagnia, a differenza di altre e nonostante ripetuti appelli, sia stata trascurata in modo quasi deliberato, lasciando che si arrivasse a una situazione estrema di non ritorno. Ho più volte denunciato il silenzio dei ministri competenti, a Giorgetti ho scritto ancora lo scorso giugno senza mai ricevere risposta. All’iniziativa diplomatica, che pure avevo auspicato, del ministro Di Maio sulla proprietà qatarina, a questo punto deve aggiungersi un atto autorevole del presidente Draghi”. Lo afferma la presidente della commissione Lavoro della Camera Romina Mura (Pd), facendo seguito all’appello di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto aereo, che chiedono che “il governo fermi l’invio delle lettere di licenziamento” dei lavoratori Air Italy.

Regione. “Abbiamo registrato l’interessamento da parte del Ministro degli Esteri Di Maio che rispetto alla vertenza Air Italy starebbe dialogando direttamente con la proprietà per chiedere il blocco delle lettere di licenziamento e abbiamo ribadito la disponibilità della Regione per trovare ogni soluzione e strada percorribili affinché si attivino le migliori forme di tutela dei lavoratori, anche attraverso l’utilizzo dei fondi Feg appena ottenuti”. Lo ha detto l’Assessore del Lavoro, Alessandra Zedda, al termine del tavolo interministeriale convocato per oggi, a cui hanno partecipato – oltre ai rappresentanti dei lavoratori – i viceministri dello sviluppo economico, Alessandra Todde, delle Infrastrutture, Teresa Bellanova, e le due regioni coinvolte, Sardegna, appunto, e Lombardia.
“Dispiace l’assenza della proprietà che non ha voluto presenziare neanche oggi al tavolo per trovare una soluzione. Rimaniamo fiduciosi che nel decreto mille proroghe possa essere inserito il provvedimento per la proroga della Cassa integrazione. Ci auguriamo che ognuno dei soggetti coinvolti faccia la sua parte per arrivare a una soluzione che non sia il licenziamento dei lavoratori di Air Italy”.


In questo articolo: