Agosto, cartolina da Cagliari. Piazza Matteotti invasa dai migranti

Dopo lo sbarco di sabato, piazza Matteotti torna ad essere invasa dai profughi nel cuore della stagione turistica. Tra le stazioni e il Municipio, di luccicante c’è davvero poco. Perchè il sistema di accoglienza non sta funzionando?

Nuovi migranti, nuova cartolina turistica da Cagliari: fa effetto vedere questa immagine degli stranieri sbarcati sabato al porto di Cagliari, accampati sullo sfondo luccicante del Municipio. La foto scattata ieri notte da Alessandro Congia è emblematica: piazza Matteotti è ancora un dormitorio a cielo aperto, segno che il meccanismo dell’accoglienza non sta ancora funzionando come dovrebbe.

Un’immagine che sta purtroppo diventando comune e periodica, che sa di degrado e indifferenza, di emergenza. Piazza Matteotti cuore di Cagliari, al centro delle stazioni dei treni e degli autobus, trasformata non solo in dormitorio ma in immondezzaio. Quasi non fa più notizia, però la foto di ieri notte colpisce particolarmente. Perchè certifica che negli ultimi tre mesi non si è trovato un rimedio a questa situazione imbarazzante. E il continuo arrivo di profughi sta mettendo a dura prova il sistema che dovrebbe ormai essere stato sperimentato nel tempo. Non è colpa del Comune, non è colpa della Regione, forse tutto sta in normative europee ancora da discutere. Niente sembra dividere l’opinione pubblica quanto immagini come questa.