Aero Club, fine di un sogno: sigilli alla scuola di volo di Cagliari

La scuola rischia la chiusura. Pierpaolo Manca: “Tariffe spropositate per noi”

Rischia di chiudere la scuola di volo dell’Aero Club di Cagliari. In questi ultimi anni si è aperto un contenzioso con la Sogaer che potrebbe mettere definitivamente in ginocchio l’attività della storica associazione. Nei giorni scorsi l’Ufficiale giudiziario ha messo i sigilli e sequestrato l’officina dove si effettua la manutenzione dell’unico aereo rimasto per svolgere l’attività di addestramento dei piloti. Un’azione che complica enormemente le attivita dell’ Aero Club di Cagliari.”Siamo una scuola e non un centro commerciale – dice Pierpaolo Manca, responsabile dell’addestramento – non c’è accordo sulle tariffe e questo non ci consente di proseguire la formazione professionale. Paghiamo cifre elevate per effettuare l’attività e siamo fuori mercato. Il brevetto di pilota privato da noi costa 14 mila euro contro gli 8 mila nel resto d’Italia. Quando usciamo anche al Poetto paghiamo tariffe spropositate come se imbarcassimo bagagli per fare il giro del mondo”. Fondata nel 1946 l’Associazione Aero Club di Cagliari è l’ultima scuola di volo rimasta in Sardegna che in quasi 70 anni ha addestrato centinaia di piloti molti dei quali hanno trovato posto nelle principali compagnie aeree di tutto il mondo. Di recente l’Aero Club di Cagliari ha aperto la prima Scuola Professionale per piloti di Droni. E ora arriva un attacco diretto ai vertici della Sogaer.” A me dispiace che una persona che gestisce un aeroporto non abbia una cultura aeronautica – spiega Manca – il settore crea sviluppo e se gestito adeguatamente può offrire lavoro ai piloi sardi. Ora ci siamo dovuti fermare e i corsi sono bloccati. Fortunatamente non ci hanno sequestrato la sede  perché è di proprietà del demanio. Non siamo in grado di pagare cifre elevate per occupare gli spazi dell’aeroporto. Ci stanno chiedendo 156 euro a metro quadro e sono costi esorbitanti. Mi piacerebbe che qualcuno vigilasse sulla gestione dei fondi pubblici. Il costo della licenza di volo conseguita in Sardegna è in continuo aumento a seguito di fattori fortemente influenzati dai comportamenti ostativi della Società di Gestione SOGAER nei confronti dell’Aero Club”. La situazione metterà a rischio il futuro dell’Aero Club di Cagliari“.

La Società di gestione SOGAER chiede un canone di sub concessione di importo 10 volte superiore a quello di altre realtà isolane come l’ Aeroclub Costa Smeralda di Olbia – prosegue Manca – il carburante AVGAS per i mezzi dell’Aero Club costa il doppio rispetto al resto d’Europa. In  Corsica un litro costa €. 1,83 contro i nostri € 3,92. Nonostante la costruzione nel 2007 di uno specifico hangar destinato al ricovero dei mezzi dell’Aeroclub, gli aerei del sodalizio sono attualmente esposti alle intemperie: la conseguenza del perdurare di questa situazione ha comportato un aumento dei costi di manutenzione, l’irreparabile corrosione di 2 velivoli della flotta della scuola di volo e un hangar costruito con fondi pubblici rimasto vuoto e i voli effettuati con i mezzi dell’Aero Club vengono aggravati di tasse e costi tipici di attività commerciale, oneri questi che non vengono imposti negli altri aeroporti comunitari”. Il settore del trasporto aereo civile è in continua crescita ma si rischia di eliminare un club prestigioso. “La Società Sogaer – prosegue Manca – dovrebbe verificare con quale premura vengono tutelate in Italia e in tutta Europa le scuole di volo. Non si comprende per quale motivo una Società, partecipata da Enti preposti alla valorizzazione delle realtà Isolane, voglia con questa politica vessattiva, chiudere l’ultima scuola di volo della Sardegna. L’Aeroclub di Cagliari richiede e merita l’attenzione della Camera di Commercio di Cagliari e della Regione Autonoma della Sardegna. Il settore del trasporto aereo è in continua crescita, la decennale attività di formazione dei piloti dell’Aero Club di Cagliari non deve essere osteggiata, ma deve essere aiutata competere nel mercato unico europeo”.


In questo articolo: