“Aerei in Sardegna, salassi intollerabili: bisogna tornare al più presto alla tariffa unica”

“La Sardegna non può essere strozzata dalle interpretazioni restrittive di Bruxelles, che tradiscono gli stessi principi dell’Unione Europea”. Lo ha dichiarato Ugo Cappellacci

“La Sardegna non può essere strozzata dalle interpretazioni restrittive di Bruxelles, che tradiscono gli stessi principi dell’Unione Europea”. Lo ha dichiarato Ugo Cappellacci, deputato e coordinatore regionale di Forza Italia, che ha già presentato una serie di interrogazioni e interpellanze al Governo affinché sostenga le giuste ragioni del popolo sardo davanti all’Unione Europea. “Nel 2013 -ricorda Cappellacci- la Giunta regionale da me guidata varò una continuità territoriale aerea con la tariffa unica, che estendeva gli sconti agli emigrati sardi e ai visitatori per 9 mesi l’anno. Nei 3 mesi estivi comunque il viaggiatore era protetto da un price cap e da altri strumenti che impedivano i salassi che si vedono ora. La continuità aerea – prosegue l’esponente azzurro- deve essere un vero e proprio ponte, che funziona sia in ingresso e non solo in uscita. Occorre ripristinare un modello che salvaguardi i diritti dei sardi e al tempo stesso consenta alle nostre imprese di non vedere limitato dal mare il mercato al quale rivolgersi. L’articolo 16 del Regolamento 1008/2008 fa espresso riferimento ad una continuità territoriale finalizzata anche allo sviluppo economico-sociale della Regione interessata. La Sardegna è un’isola – ha concluso Cappellacci- e, carta geografica alla mano, non ci dovrebbe essere bisogno di dare grandi spiegazioni agli euro-burocrati”.


In questo articolo: