Adotta un cane a Elmas: il cibo per mantenerlo lo pagherà il Comune

Una bella iniziativa contro il randagismo dell’amministrazione comunale guidata da Valter Piscedda

Il comune di Elmas in prima linea nella lotta al randagismo. Purtroppo l’abbandono dei cani è una prassi più che mai consolidata, che ha assunto dimensioni quanto mai rilevanti e preoccupanti. L’amministrazione guidata dal primo cittadino Valter Piscedda, risponde a tale fenomeno approvando la delibera n.133 del 6 dicembre che prevede lo stanziamento di 5 mila euro per una “campagna di sensibilizzazione all’adozione dei cani e la concessione di incentivi a favore di chi adotta un cane randagio”

Il comune di Elmas, spende 60 mila euro per accudire i 66 cani ospiti nel canile, una cifra considerata troppo elevata dall’amministrazione, pertanto, al fine di garantire il loro benessere, di economizzare le spese derivanti dal loro mantenimento, e prevenire il sovraffollamento della struttura, ogni famiglia residente nel comune di Elmas o nella provincia di Cagliari potrà a breve adottare fino a due cani, purchè siano mantenuti in buone condizoni presso le proprie case. Il comune si occuperà della fornitura di alimenti necessari al loro mantenimento e di una visita sanitaria periodica di controllo a cura del veterinario del canile, con la possibilità di effettuare la sterilizzazione dell’animale entro il primo anno di affidamento. Una casa vera, quindi, per gli oltre 60 cani per lo più di razza meticcia, che si trovano nel canile di Elmas e non attendono altro che avere un padrone a cui dimostrare il loro affetto.


In questo articolo: