Addio a Giovanni Manca, travolto e ucciso dal fiume ingrossato a Gonnosfanadiga

Amava la natura, più di ogni altra cosa. Lo hanno ritrovato privo di vita questa notte: si chiamava Giovanni Antonio Manca, il  52enne di Ghilarza finito in acqua mentre faceva torrentismo nel Rio Zairi a Gonnosfanadiga

Amava la natura, più di ogni altra cosa. Lo hanno ritrovato privo di vita questa notte: si chiamava Giovanni Antonio Manca, il  52enne di Ghilarza finito in acqua mentre faceva torrentismo nel Rio Zairi a Gonnosfanadiga, in località Perda de Pivera. Inutili i tentativi disperati  dei sommozzatori per salvarlo dopo che di lui si erano perse le tracce ieri sera. Lo ha travolto e ucciso l’acqua del torrente.

A Ghilarza lo conoscevano tutti, era stato anche presidente del tennis club, era un grande atleta. Amava le escursioni, sia con la mountain bike che come speleologo, era esperto: fatale è stato il distacco della corda di sicurezza, l’acqua nel fiume che si ingrossava lo ha portato giù e quando il suo corpo è stato recuperato, non c’è stato più niente da fare.


In questo articolo: