Addio a Emilio Bordini, muore a 73 anni uno dei simboli della cagliaritanità: “Ciao, conte”

Lacrime per la scomparsa di un personaggio conosciuto da Castello sino a Mulinu Becciu. Il fratello Alberto è stato medico e per tanti anni sindaco a Escalaplano. Di origini nobili, su Fb c’è chi ha creato addirittura un fan club di Emilio: “Fai buon viaggio, amato conte”.

Cagliari perde uno dei suoi personaggi più noti, soprattutto nei rioni storici ma anche a Mulinu Becciu. Se n’è andato a 73 anni Emilio Bordini, per tutti il “conte Emilio”. La sua famiglia, si narra nei vicoletti di Castello e Villanova, aveva origini nobili. Emilio aveva le sue tappe fisse nei locali della Marina e allo storico Roxy Bar di via Ghiani dove, tra una birra in compagnia e qualche battuta, era diventato praticamente uno di casa. Il fratello, Alberto, scomparso qualche anno fa, è stato medico e, per anni, sindaco di Escalaplano. E anche lui aveva confidato la discendenza nobiliare della sua famiglia, sia ai concittadini sia ai pazienti. Tra chi lo piange c’è il titolare del Roxy, Mino Ghiani: “Ciao Emilio, che la terra ti sia lieve”, con tanto di foto di un pò di tempo fa di un Emilio che, vestito di tutto punto, tiene tra le mani un bicchiere di Ichnusa. Tanti i titolari di locali del centro storico che lo conoscevano e che, oggi, lo piangono: “Ciao Emilio fai buon viaggio. E sii Rock come sempre. Sapevo anch’io che fosse di origini nobili”, racconta Alessandro Nurchi, “Emilio è stato uno dei personaggi più noti della nostra città”.
Lo piange anche Danilo Agus: “Ho conosciuto sia lui sia il fratello. Persone splendide, con Emilio ci siamo fatti tantissime lunghe chiacchierate spaziando dal calcio alla politica sino ai problemi, ancora tanti, che ci sono nella nostra città. Lui era così, uno spirito libero e sereno”. La città perde uno dei suo personaggi simbolo. Molto toccante il commento di Maria Paola Loi: “Ciao Conte Emilio Bordini! Mi hai dato tanto! Vola alto”.


In questo articolo: