Abusi su 11enne disabile in Sardegna, la bambina sarà sottoposta a perizia psichiatrica

L’imputato, 65 anni, si è sempre dichiarato innocente. I giudici hanno ora deciso di nominare un neuropsichiatra infantile che stabilirà se il racconto della ragazzina sia attendibile

E’ accusato di aver abusato di una undicenne, affetta da una forma di grave disabilità psichica, quando i genitori della piccola la affidavano a lui, loro vicino di casa, quando avevano necessità di uscire. Lui, 65 anni, continua a ribadire la sua innocenza e la totale estraneità ai fatti, come ha sempre fatto e come aveva ribadito in tribunale a Sassari durante la prima udienza del processo.  Oggi il collegio dei giudici ha deciso che la minorenne sarà sottoposta a una perizia psichiatrica, accogliendo la richiesta che già in incidente probatorio era stata fatta dal legale della difesa, Sabrina Falchi, e a cui si era opposto il pubblico ministero Mario Leo e l’avvocato di parte civile Arianna Denule, che hanno sempre sostenuto la tesi della credibilità dei racconti della piccola. Che invece ora, su decisione dei giudici Giancosimo Mura, Monia Adami e Sara Pellici, sarà sottoposta ad accertamenti psichiatrici. I fatti sarebbero accaduto nel periodo fra il 2018 e il 2019.

Sarà ora un neuropsichiatra infantile a stabilire se quanto raccontato dalla piccola è attendibile.