A Villacidro stop alle feste e mascherine obbligatorie all’aperto: “I positivi sono quasi tutti bambini”

Nuove restrizioni in paese valide anche per Natale per colpa del Covid, il sindaco Sollai: “Otto positivi e 35 in quarantena, nella maggior parte dei casi si tratta di minori”. Naso e bocca coperti davanti ai negozi e alle fermate dei bus.

Otto positivi e 35 persone in quarantena, blindate in casa a lottare contro il Covid. E a Villacidro arrivano nuove restrizioni, valide da oggi e, naturalmente, anche a Natale: sono sospese tutte le attività ludiche e sportive presso scuole, palestre, ludoteche, luoghi di aggregazione in generale al chiuso ed all’aperto che riguardano i bambini dall’infanzia fino ai ragazzi frequentanti la scuola secondaria di primo grado, ritorna l’obbligo di utilizzo mascherine all’aperto  laddove  sia più probabile la presenza di assembramenti (fermate autobus, ingresso scuole, ambulatori medici, spazi antistanti esercizi commerciali) e c’è la richiesta  ai titolari di locali commerciali e pubblici esercizi di intensificare le sanificazioni e la igienizzazione  degli spazi destinati agli avventori, oltre che contingentamento degli accessi in considerazione degli spazi utilizzabili. È questo il succo della nuova ordinanza firmata dal sindaco Federico Sollai.
“Nella maggior parte dei casi i positivi sono bambini o minorenni”, precisa il primo cittadino. Non c’è una data di fine delle restrizioni e delle nuove regole anti Covid.


In questo articolo: