A Uta un murale per ricordare Sandro Pillitu: “Papà, sei stato il mio pilastro ed eroe”

L’uomo è morto dopo un mese di lotta all’ospedale, stroncato da tre infarti. La figlia Giulia, insieme alla mamma Valeria, scelgono di ricordarlo per sempre: “L’opera sarà realizzata da Andrea Sabiucciu dentro la nostra abitazione. Sandro era conosciuto non solo in paese, ancora oggi lo piangono in tanti”

Lo schizzo è già pronto, il muro è stato imbiancato a dovere e mancano solo i colori, e la frase: “Sempre con noi”. Uta sta per avere un nuovo murale, interamente dedicato a Sandro Pillitu, l’operaio 56enne morto il 9 marzo 2022 dopo un mese di lotta all’ospedale. Colpito da tre infarti, se n’è andato in un letto del Policlinico di Monserrato. Famoso per aver realizzato centinaia di pozzi artesiani in vari Comuni sardi, la figlia Giulia e la moglie, Valeria, hanno deciso di rendergli un omaggio davvero eterno. Con un murale “intimo”, realizzato nella cucina della loro abitazione. Un due metri per due che non sarà visibile a tutti, ma agli amici di Sandro sì. Basterà citofonare: “Abbiamo deciso di ricordarlo così, sorridente e splendido. Una persona stupenda, mio papà era conosciuto da tutti, non solo a Uta, come un grande lavoratore”, dice, commossa, la figlia. “Un murale riservato, anche perchè comunque non c’era la possibilità di farlo su un muro esterno. E allora, abbiamo scelto la cucina, il punto della casa dove, quando rientrava dal lavoro, passava la maggior parte del tempo”. E, per una volta, non c’è nessuna richiesta fondi.
“Il murale lo realizzerà Andrea Sabiucciu di Decimoputzu”, tra gli street artist più noti dell’Isola: “Costerà quattrocento euro”, una spesa che i cari di Sandro Pillittu affrontano molto volentieri. Ci sarà anche la frase “sempre con noi, perchè papà era il nostro pilastro e il nostro eroe. Ancora oggi, in tanti, continuano a piangerlo”. A due mesi esatti di distanza dalla morte del 65enne, la commozione è ancora forte.


In questo articolo: