A Seulo 18 e 19 aprile S’Orrosa ‘E Padenti

Week-end all’insegna della tradizione nel piccolo paese barbaricino, con la festa de S’Orrosa ‘E Padenti. Un evento pensato per chi vuole riscoprire i profumi, le tradizioni e sapori di una volta. Appuntamento sabato 18 e domenica 19 aprile per scoprire il connubio che unisce gli eventi ecologici e culturali con le specialità della tradizione enogastronomica locale. Padrino della manifestazione 2015 sarà lo stilista sardo Paolo Modolo

Più di 40 stand riuniti nelle strette viuzze del centro storico di Seulo, il piccolo centro montano dell’omonima Barbagia: tra aree espositive ed eventi culturali, il paese cerca di riproporre in due giorni di festa gli ambienti e la quotidianità dei tempi passati. Numerose associazioni culturali locali si sono mosse per trasformare S’Orrosa ‘E Padenti in un vero e proprio evento, come l’associazione Su Scusorgiu, l’Ecomuseo dell’Alto Flumendosa e la Pro Loco di Seulo. Quest’anno il padrino della manifestazione sarà l‘affermato sarto di Orani Paolo Modolo, noto per i suoi tipici abiti maschili in velluto ispirato dalla foggia classica, indossata tradizionalmente dal pastore barbaricino.

 
Il turista potrà ammirare la lavorazione dei tappeti con il telaio tradizionale, la bottega del calzolaio, il laboratorio artigianale del formaggio. Potrà osservare la lavorazione del torrone, la creazione in diretta di strumenti musicali, assistere all’esibizione del Gruppo Folk San Cosimo e Damiano di Seulo e de is Sonadoris de Su Sonettu. Saranno presenti mostre artistiche di pittori locali e la mostra dei coltelli artigianali. Per i più appassionati l’Ecomuseo organizzerà apposite escursioni di gruppo con guida per osservare S’Orrosa ‘e Padenti nel suo ambiente naturale in luoghi e località di notevole bellezza paesaggistica. Non mancheranno i dolci locali come is Pistocus de Nuxis o gli ormai noti Pichiritus di Seulo, apprezzati in tutta la Sardegna. E poi il pane fatto in casa, accompagnato dal saporitissimo guanciale e le pancette, per non parlare dei formaggi o de su Presutu de Seulu, il prosciutto locale.
 
Eventi. In piazza Comuna Eccia il sabato verrà proposta la rievocazione della ‘Lisciva’, il bucato con la cenere, chiamata dai seulesi ‘Sa Lissia’. Ci saranno i laboratori del pane nella tradizione popolare, come il laboratorio de su Modditzosu seulesu e de sa Fregula sarda, il laboratorio del formaggio e quello de is Culurgionis seulesus Tra gli ospiti della manifestazione ci saranno il coro polifonico Santu Nigola di Ortueri, insieme ai cori polifonici maschile e femminile Perdedu S’Orrosa De Padenti di Seulo. In programma anche la III° edizione de Sa Coia antiga seulesa: il corteo nuziale sfilerà con gli abiti tradizionali seulesi e sarà accompagnato da coppie con abiti tradizionali di Aritzo, Siurgus Donigala, Nurri, Samugheo, Desulo, Lodine e Dorgali. E ancora tanti ospiti come Is Sonadoris de Launeddas di Dolianova e di Sinnai e l’esibizione delle maschere Su Bundhu di Orani.

In questo articolo: