A Pula arrivano i corsi dell’Università del Sapere e della Terza Età

Dall’archeologia all’informatica le lezioni sono rivolte a tutti senza limite di età non solo per apprendere e conoscere, bensì come motivo per ampliare la socializzazione.

Il 30 Gennaio il Comune di Pula ha aderito ufficialmente all’iniziativa proposta dalla N.U.L.S.T.E. Nuova Università Libera della Sardegna del Sapere e della Terza Età inerente l’apertura presso il territorio comunale di una propria sede allo scopo di dare la possibilità ai cittadini Pulesi di frequentare i corsi previsti nel programma accademico per l’anno 2023/2024.

L’iniziativa ha incontrato da subito il favore del Sindaco, Walter Cabasino, dell’Assessora alla Cultura e alle Politiche Sociali, Manuela Serra, e di tutti gli Assessori e Consiglieri.

“L’Università del Sapere e della Terza Età rappresenta un servizio di grande importanza per tutto il territorio – spiega l’Assessora Manuela Serra – capace di offrire ai cittadini momenti di confronto e cultura, promuovere il benessere psico-fisico e favorire l’aggregazione sociale.

Ai corsisti verrà proposto un programma interessante e variegato che spazia dall’archeologia, alla musica, la filosofia fino ad arrivare all’informatica e la digitalizzazione.

Le lezioni – che si terranno nella biblioteca comunale, a cadenza settimanale – sono gratuite e rivolte a tutti:  non ci sono limiti di età e non è necessario il possesso di alcun titolo di studio”.

Nei prossimi giorni verrà organizzata una conferenza informativa in cui verranno illustrati i corsi e forniti maggiori dettagli.


In questo articolo: