A Nuoro la dodicesima edizione dei corsi invernali del Seminario Jazz

Tra marzo e maggio cinque appuntamenti didattici  con alcuni tra i più apprezzati jazzisti sardi

Edizione numero dodici per i corsi invernali del Seminario Jazz di Nuoro: cinque appuntamenti didattici scandiscono tra marzo e maggio il calendario dell’iniziativa organizzata nel capoluogo barbaricino dall’Assessorato alla Cultura del Comune e dall’Ente Musicale di Nuoro nell’ambito dei corsi della Scuola Civica di Musica “Antonietta Chironi”. 

A tenere lezione, come sempre, alcuni tra i musicisti più apprezzati della scena jazzistica sarda: anche quest’anno salgono in cattedra Francesca Corriasper la classe di canto, Massimo Carboni per quella di sassofono, il trombettista Giovanni Sanna Passino, il chitarrista Angelo Lazzeri, il contrabbassistaSalvatore Maltana, il batterista Gianni Filindeu e, per la teoria, il responsabile artistico dei corsi, il pianista, flautista, compositore e arrangiatoreGiovanni Agostino Frassetto. È invece un volto nuovo tra i docenti quello di Salvatore Spano, che subentra a Paolo Carrus nella classe di pianoforte. 

Invariate le quote di iscrizione: anche quest’anno si pagano 100 euro per seguire l’intero corso oppure 35 euro per ognuno dei cinque appuntamenti in programma: l’1 e il 22 marzo, il 26 aprile, il secondo weekend di maggio – sabato 9 e domenica 10 – e l’ultimo, il 30 e il 31

Per informazioni, la segreteria dell’Ente Musicale di Nuoro risponde al numero di telefono 078436156 e all’indirizzo di posta elettronica[email protected]. Dal sito www.entemusicalenuoro.it si può scaricare la scheda d’iscrizione

I corsi invernali al via il prossimo marzo inaugurano l’annuale attività didattica dell’Ente Musicale di Nuoro dedicata al jazz che come sempre vivrà il suo clou nell’appuntamento estivo con il Seminario fondato nel 1989 dalla compianta Antonietta Chironi insieme al trombettista Paolo Fresu: una delle iniziative più accreditate nel panorama nazionale del settore. Il Seminario Nuoro Jazz, che dal 20 al 30 agosto taglierà il traguardo della suaventisettesima edizione, dall’anno scorso vede al timone di coordinatore il pianista Roberto Cipelli e in cattedra un corpo docente completamente nuovo rispetto a quello “storico” riunito per cinque lustri intorno a Fresu, ma composto sempre da nomi di primo piano del jazz nazionale: Marco Tamburini (per la classe di tromba e flicorno), Emanuele Cisi (sassofono), Cinzia Spata e Francesca Corrias (canto), Dado Moroni (pianoforte), Marcella Carboni (arpa jazz), Bebo Ferra (chitarra), Paolino Dalla Porta (contrabbasso), Stefano Bagnoli (batteria), Enrico Merlin (storia del jazz), Salvatore Maltana (musica d’insieme) e Giovanni Agostino Frassetto (flauto, armonia di base e tecnica dell’improvvisazione). 


In questo articolo: