4 marzo, seggi aperti: ecco come votare

Sono oltre 51 milioni gli italiani chiamati ad esprimere la loro preferenza

Le urne sono aperte dalle 7 di questa mattina e chiuderanno alle 23. Alla stessa ora inizierà lo scrutinio che decreterà la composizione del nuovo Parlamento italiano. Sono oltre 51 milioni gli italiani chiamati ad esprimere la loro preferenza.

Per votare è necessario avere con sé carta d’identità e tessera elettorale. Per scegliere il proprio rappresentante alla Camera basta la maggiore età, mentre per ritirare anche la scheda del Senato l’età minima è di 25 anni.

Il sistema elettorale, il cosiddetto Rosatellum bisprevede che un terzo dei seggi in Parlamento (630 alla Camera e 315 al Senato, 18 dei quali -12+6 – eletti nella circoscrizione estero) siano assegnati con criterio maggioritario (un solo candidato per coalizione in ogni collegio uninominale, vince chi ha preso più voti) e due terzi con criterio proporzionale di lista.

All’elettore verranno consegnate due schede, una per la Camera e una per il Senato.

Affinché il voto sia valido l’elettore deve:

– mettere una X su una lista

– mettere una X sul nome del candidato all’uninominale

Il voto sarà ritenuto valido anche se l’elettore ha messo una X sul nome del candidato all’uninominale e una X sul simbolo del partito ad esso collegato.

Non è previsto il voto disgiunto.

Immagini: Quotidiano.net


In questo articolo: