Vallermosa, don Massimiliano Pusceddu denunciato per minacce

Il parroco ha avuto un violento diverbio con un uomo che maltrattava la moglie



Don Massimiliano Pusceddu (nella foto), il parroco-pugile, nonchè esorcista di Vallermosa, è ritornato alla ribalta delle cronache: stavolta è stato accusato e denunciato per aver minacciato e aggredito un uomo che, secondo il sacerdote, maltrattava la moglie. «Ho fatto semplicemente fatto il mio dovere», avrebbe detto don Massimiliano alle forze dell’ordine. «Ho voluto incontrarlo di persona per parlare con lui, visto che maltrattava la moglie». Il fatto è avvenuto nei pressi della zona industriale di Elmas. Prima un’accesa discussione, poi si è passati alle minacce e alla violenta aggressione. Secondo la ricostruzione dei fatti, il parroco avrebbe colpito l’uomo alla testa. Costui ha poi sporto denuncia verso don Massimiliano Pusceddu accusandolo di minacce. Intanto, sul caso sono in corso le indagini della Procura di Cagliari. Il parroco di Vallermosa, lo scorso 9 settembre, si era reso protagonista di un altro episodio finito nelle pagine di cronaca dei giornali: durante il rito religioso in occasione dei festeggiamenti in onore a Santa Maria, dopo la processione per le vie del paese, Don Max, fondatore del movimento degli Apostoli di Maria, aveva deciso di terminare prima del previsto la funzione religiosa, creando qualche perplessità e soprattutto incredulità tra i fedeli. Il motivo della messa breve? Doveva “liberare” la chiesa per ricevere gli Apostoli di Maria. La cosa aveva innescato aspre polemiche da parte dei fedeli, al punto che poi si era poi scatenato un vero e proprio putiferio. La situazione era andata via via degenerando, al punto che erano dovute intervenire le forze dell’ordine per placare gli animi.

(Roby Collu)

Ultima modifica: 22 giugno 2017


SEGNALACI UNA NEWS AL 380 747 6085

In questo articolo