Tensione a Bancali, detenuto aggredisce due agenti al grido di “Allah Akbar”

Bancali, continuano le aggressioni alla polizia penitenziaria



Ancora momenti di tensione al carcere di Bancali.

Nella scorsa serata un detenuto ha incitato alla violenza i presenti e al grido di “Allah Akbar” ha distrutto la camera di detenzione, allagando l’intera sezione e lanciando alcuni pezzi di termosifone contro gli agenti intervenuti. Due agenti sono dovuti ricorrere a cure mediche, essendo stati feriti, rispettivamente, al gomito e al ginocchio.

“Un vero e proprio caso di aggressione senza apparente motivo” denuncia la FP CGIL “che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi. Da tempo denunciamo la gravità della situazione del carcere di Bancali. Chiediamo di poter lavorare in sicurezza”.

Ultima modifica: 6 dicembre 2018

In questo articolo