La roulette dei tavolini, locali stangati: stop anche a Corso 12

La stretta sulla movida procede senza sosta. Stavolta è il turno del noto locale di Stampace che in virtù di una sanzione scattata a giugno non potrà chiedere il permesso di sistemare i tavolini all’aperto fino alla fine dell’anno



Movida, il Comune fa sul serio. La stretta sulla movida procede senza sosta. Stavolta è il turno del noto locale di Stampace che in virtù di una sanzione scattata a giugno non potrà chiedere il permesso di sistemare i tavolini all’aperto fino alla fine dell’anno.

La ditta Corso Dodici il 6 giugno scorso, ha richiesto la concessione di suolo pubblico nel Corso Vittorio Emanuele II, davanti al locale “Corso 12”, di 13,24 metri quadrati per il posizionamento di 8 tavoli, 16 sedie e 2 ombrelloni.

Ma il 23 dello stesso mese la Polizia Municipale, nel corso di un blitz ha accertato l’occupazione, “senza il prescritto titolo abilitativo” di 40 metri quadrati di suolo pubblico nel Corso davanti al locale, attraverso il posizionamento di 11 tavolini e 30 sedie. E, sulla base delle norme severe del nuovo regolamento, la ditta non potrà avere concessioni di suolo pubblico (e quindi non potrà mettere tavolini e sedie all’aperto) per tutto il 2017. Potrà, ovviamente impugnare il provvedimento, oppure aspettare qualche mese e ripresentare la domanda nel 2018.

Provvedimento analogo per il Black Sun che, sempre il 23 giugno, alle ore 22:45, occupava senza titolo abilitativo 16 metri quadrati di suolo pubblico nel Corso Vittorio Emanuele II con 8 tavolini e 21 sedie. Non solo Stampace, provvedimenti anche a Villanova, nella appena riqualificata piazza Garibaldi, dove la ditta House Cafè, che occupava a mezzanotte e dieci minuti, 10 metri quadrati di suolo pubblico senza titolo abilitativo con 4 tavoli e 13 sedie, non potrà richiedere altre concessioni fino al 24 novembre prossimo.

C’è infine il no alla concessione di suolo pubblico nel Vico Barcellona, 8/10, alla Marina, davanti al ristorante  “La Pola” di 22,94, metri quadrati per il posizionamento di 5 tavoli, 10 sedie, 3 fioriere e 3 contenitori portarifiuti . Ma stavolta le multe non c’entrano nulla, il no è legato alla viabilità della zona.

Ultima modifica: 12 ottobre 2017

In questo articolo