Silvia Usai, sarda, 29 anni: “Cari giovani, quando andate a farvi lo spritz.. sapete che senza i pastori siamo spacciati?”

"Buon pomeriggio a tutti, mi chiamo Silvia Usai, ed oggi mi sento di spendere due parole per ciò che sta accadendo nella mia terra. Ho 29 anni e sono SARDA,sarda come i pastori che stanno protestando. Quando andate a farvi lo spritz ed ordinate il tagliere, vi siete mai chiesti da dove provengano quei salumi e formaggi? Quando andate al bar a far colazione e bevete il cappuccino, che sia di soia,di latte ovino o di latte bovino sapete che viene comunque munto da quelle persone che tanto schifate a volte sui social?"



di Silvia Usai, Senorbì

Buon pomeriggio a tutti, mi chiamo Silvia Usai, ed oggi mi sento di spendere due parole per ciò che sta accadendo nella mia terra. Ho 29 anni e sono SARDA,sarda come i pastori che stanno protestando contro il Mercato per riuscire ad ottenere un prezzo dignitoso per il latte di pecora che producono. Oggi mi rivolgo alla nuova generazione ed anche ai miei coetanei,che passano maggior parte del loro tempo suoi social. Ho letto commenti, e sentito discorsi di chi si lamentava del fatto che oramai la protesta degli allevatori li avesse stancati. Altri ancora invece gioivano nel vedere buttare il latte ovino in quanto vegani.
Oggi mi rivolgo a tutti voi, troppo impegnati a postare fotografie con tette e culi di fuori per farvi capire una cosa. Dato che affermate che questo argomento non vi tocchi minimante, ed addirittura schifate pastori ed agricoltori(non ho neanche ben capito per quale motivo)vi chiedo di concedermi 2 minuti e di ascoltarmi. Quando andate a farvi lo spritz ed ordinate il tagliere, vi siete mai chiesti da dove provengano quei salumi e formaggi? Quando andate al bar a far colazione e bevete il cappuccino, che sia di soia,di latte ovino o di latte bovino sapete che viene comunque munto da quelle persone che tanto schifate? Quando ogni giorno a tavola,o al ristorante mangiate una bistecca,una pizza,un’insalata,delle verdure grigliate avete forse scordato che prima di arrivare al vostro piatto quei prodotti sono finiti nelle vostre mani perché dietro c’è il lavoro degli agricoltori e dei pastori? Sapete che senza questi beni, che vengono chiamati PRIMARI siamo spacciati? Se si fermano i settori come l’agricoltura e l’allenamento cosa ci rimane? Cosa rimane al mondo?
Riflettete e rispondetemi.
Vi aspetto numerosi. E ricordate che se sono arrivati a tanto è perché sono disperati. E credetemi che ieri ho potuto vedere io stessa,il dolore negli occhi di queste persone. Ho guardato quel latte versato sull’asfalto e mi sono scese due lacrime sul viso perché mi sono sentita impotente ed inutile. Unitevi a loro e rispettate quei mestieri,perché pur non ricordandolo ne usufruire anche voi.
CONDIVIDETE

Ultima modifica: 10 febbraio 2019

In questo articolo