Serra di marijuana in casa, pusher di San Giovanni Suergiu incastrato grazie all’App della polizia

Quaranta piantine di marijuana coltivate e molte foglie già tritate. Un 24 anni, viene pizzicato dagli agenti grazie a una segnalazione arrivata con l'App YouPol: "Ottimo strumento per segnalare situazioni di illegalità". Ecco il suo nome



Nel sacco grazie all’App YouPol: Ivan Locci, 24enne di San Giovanni Suergiu, è finito in manette per il reato di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di droga. Marijuana, per la precisione: il giovane, nella sua casa, aveva allestito una serra di quaranta piantine di marijuana, tutte ben curate. Qualche residente aveva già da tempo notato un via vai di clienti, tutti giovani, e ha deciso di segnalare gli strani movimenti alla polizia, utilizzando l’App dedicata.

Grazie alla segnalazione gli agenti hanno potuto scoprire sia la serra illegale sia un box di forma cubica, coperto da tessuto sintetico, sicuramente utilizzato di recente come serra di coltivazione per la marijuana, con dentro alcuni vasi pieni di terriccio e foglie. Sequestrati anche un macinino elettrico, con all’interno della marijuana tritata, ed alcuni vasetti in vetro riempiti di “erba” per circa un etto. 

La serra realizzata dal pusher era molto ben organizzata: perfettamente efficiente, con tanto di fertilizzanti, insetticidi, un umidificatore per creare il microclima ed altro materiale utile per la cura delle piante. Il giovane è stato arrestato ed è già comparso davanti al giudice per il processo per direttissima. Dalla questura di Cagliari fanno sapere che “L’applicazione YouPol, partita simultaneamente in tutta Italia, così come a Cagliari, nel febbraio di quest’anno, e già operativa in via sperimentale nelle città di Roma, Milano e Catania dal novembre del 2017, è un facile strumento alla portata soprattutto dei più giovani per segnalare episodi di bullismo e di spaccio di sostanze stupefacenti. L’innovazione ha dato già ottimi risultati anche nella nostra provincia. Da quando è stata attivata sono giunte circa 100 segnalazioni, per la maggior parte in materia di droga”. (P.R.)

Ultima modifica: 16 maggio 2018

In questo articolo