Selargius, il tuffo nel passato: una bellissima mostra in attesa del Museo

Porte aperte per altri diciannove mesi: l’allestimento museale ospitato nell’ex Caserma cavalleggeri “Carcere aragonese” di via Dante, proseguirà sino al 31 dicembre 2019. È messo nero su bianco nella delibera di Giunta a firma dell’assessora alle Attività produttive, Sviluppo economico, Innovazione e Turismo Roberta Relli. “Abbiamo ritenuto opportuno dare proseguimento alla Mostra in attesa che …



Porte aperte per altri diciannove mesi: l’allestimento museale ospitato nell’ex Caserma cavalleggeri “Carcere aragonese” di via Dante, proseguirà sino al 31 dicembre 2019. È messo nero su bianco nella delibera di Giunta a firma dell’assessora alle Attività produttive, Sviluppo economico, Innovazione e Turismo Roberta Relli.

“Abbiamo ritenuto opportuno dare proseguimento alla Mostra in attesa che la struttura che la ospita venga istituita come Museo”, spiega l’assessora. “In vista del tradizionale appuntamento con Monumenti Aperti, il cui programma verrà comunicato a breve, continuerà a venir garantita  l’attuale apertura  al pubblico di dieci ore settimanali, grazie alla preziosa collaborazione con il Gruppo archeologico selargino a cui è stato prorogato l’incarico di un mese”, chiarisce. “Nel frattempo, d’intesa con la Soprintendenza, verrà indetta apposita gara d’appalto per individuare il soggetto gestore che se ne occuperà dal primo giugno sino a dicembre 2019”.

Una bella occasione, per dare la possibilità a chi ancora non ne ha ancora approfittato, di fare un tuffo nel passato. E rivivere, grazie a immagini, testi e reperti archeologici, la storia più antica di Su Coddu/Cannelles.

Ultima modifica: 9 marzo 2018

In questo articolo