Sant’Elia, il Cagliari ha le chiavi dello stadio: il ritorno con la Samp?

Corsa contro il tempo per rendere agibile l'impianto



A poche ore dalla firma della convenzione tra Cagliari Calcio e Comune, iniziano i lavori di bonifica nello stadio Sant’Elia. Una corsa contro il tempo perchè la squadra rossoblù possa di nuovo giocare nel suo storico stadio già dal 22 settembre, contro la Sampdoria, oppure il 29 contro l’Inter, anche se con una capienza ridotta di 5 mila posti. Questa mattina al Cagliari sono state consegnate le chiavi dell’impianto sportivo.

Ieri sera è stato siglato l’accordo tra Comune e club rossoblù, con la firma della società del Cagliari, rappresentata dal vicepresidente Giovanni Domenico Pinna, e il Comune.
 Ora mancano il passaggio in commissione provinciale di vigilanza e Coni, e in conferenza di servizi. Poi partiranno i lavori,  che il Comune si impegnerà a concludere entro 60 giorni dal rilascio del nulla osta. In tutto l’amministrazione comunale metterà a correre 500 mila euro, già stanziati in bilancio. Per gli spogliatoi, ad esempio, vengono destinati 70 mila euro, 40 mila per la tribuna centrale. Per realizzare il settore ospiti 40 mila, mentre per quello disabili 60 mila.

A carico della società i costi di manutenzione ordinaria e straordinaria, i lavori sul manto erboso, la custodia e pulizia della struttura, l’acquisto, il montaggio e la manutenzione delle tribune prefabbricate. In tutto 1.032.000 euro. La concessione dell’utilizzo dell’impianto sportivo durerà un anno intero, per cui é previsto un canone di 120 mila euro, e una cauzione di 280 mila euro, che la società dovrà versare subito .
Secondo l’accordo, le parti potranno rescindere la convenzione se le spese dovessero risultare superiori del 20 per cento all’importo previsto. Lo stadio ristrutturato ospiterà massimo 16mila spettatori, tra tribuna centrale e quelle prefabbricate di pertinenza della società rossoblù. Ma per le prime partite, presumibilmente già da fine settembre, la capienza sarà ridotta, si parla di 5 mila posti.

Ultima modifica: 19 giugno 2017

In questo articolo