Matrimoni, arriva la svolta: gli accordi pre matrimoniali per legge

Ammettere i patti prematrimoniali, con cui i coniugi possono stabilire preventivamente le regole, soprattutto economiche: ecco il testo degli accordi che è all'esame del Parlamento

Autore: Redazione Casteddu Online il 20/03/2017 15:29



Matrimoni, arriva la svolta: gli accordi pre matrimoniali per legge

Ammettere i patti prematrimoniali, con cui i coniugi possono stabilire preventivamente le regole, soprattutto economiche, di un eventuale divorzio, prima del matrimonio. E' questo lo scopo della proposta di legge depositata alla Camera più di due anni fa (leggi: "Accordi prematrimoniali: ecco il nuovo disegno di legge"), che con un po' di ritardo rispetto alla tabella di marcia prefissata (visto che doveva essere calendarizzata subito dopo la legge sulle unioni civili), ha iniziato in questi giorni l'esame in commissione giustizia a Montecitorio.

Il provvedimento (qui sotto allegato), che vede come primi firmatari i deputati Alessia Morani (PD) e Luca d'Alessandro (ALA), ha l'obiettivo, si legge nella relazione al testo, di "riconoscere ai futuri coniugi nel momento che precede il matrimonio una più ampia autonomia al fine di disciplinare i loro rapporti patrimoniali e personali anche relativamente all'eventuale fase di separazione e di divorzio, attraverso accordi contenuti in un'apposita convenzione".

Tale tipologia di accordi, ad oggi, "viene ritenuta nulla da costante giurisprudenza, in particolare con riferimento agli accordi di divorzio", a differenza, invece, di quanto avviene in altri paesi europei (e d'oltreoceano) in cui i patti prematrimoniali sono pacificamente ammessi e regolamentati.

Riconoscere ai coniugi, la facoltà di gestire anticipatamente e consensualmente i propri rapporti patrimoniali e personali in relazione ad un'eventuale futura crisi del matrimonio, sostengono i relatori, "può costituire uno strumento molto utile, specialmente al fine di evitare che la fase di negoziazione di tali rapporti avvenga nel momento in cui il matrimonio è entrato già in crisi e sono particolarmente difficili il compimento di un accordo e il raggiungimento di un assetto che soddisfi entrambi i coniugi, in presenza di reciproche recriminazioni e rivendicazioni".

Gli accordi prematrimoniali

Il testo prevede che i futuri coniugi, prima di contrarre matrimonio, possono stipulare, in base al nuovo art. 162-bis del codice civile, "con la forma prevista dall'articolo 162", ovvero mediante negoziazione assistita, da uno o più avvocati, "accordi prematrimoniali volti a disciplinare i rapporti dipendenti dall'eventuale separazione personale e dall'eventuale scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio".

Se ci sono figli minori o economicamente non autosufficienti gli accordi dovranno essere autorizzati dal procuratore della Repubblica presso il tribunale competente, il quale, laddove ritenga che i patti siglati non rispondano all'interesse dei figli, ne indica i motivi e invita le parti a un'eventuale riformulazione, ovvero, "qualora non ritenga autorizzabile neppure la versione eventualmente riformulata, nega definitivamente l'autorizzazione".

 

Il contenuto

Secondo quanto prevede il disegno di legge, negli accordi prematrimoniali un coniuge può decidere di attribuire all'altro una somma di denaro periodica o una tantum, così come un diritto reale su uno o più immobili, anche con il vincolo di destinare, ai sensi dell'articolo 2645-ter, i proventi al mantenimento dell'altro coniuge o al mantenimento dei figli fino al raggiungimento dell'autosufficienza economica degli stessi. Il limite, in ogni caso, è quello di non poter attribuire all'altro più di metà del proprio patrimonio.



Fonte: Accordi prematrimoniali: in arrivo la legge 
(www.StudioCataldi.it) 







TAGS:  matrimoni   accordi