Vergogna Sulcitana: un'ora e mezzo per percorrere appena sei km

Benvenuti in Sardegna, un'ora e mezzo per percorrere 6 km sulla statale Sulcitana, da Cagliari verso Pula. La vergogna marcia silenziosa, nel giorno in cui l'Anas decide di sfoltire l'erba a bordo strada con grande tempismo, il 17 luglio. Migliaia di automobilisti bloccati

Autore: Jacopo Norfo il 17/07/2017 23:11



Vergogna Sulcitana: un'ora e mezzo per percorrere appena sei km

di Jacopo Norfo

Benvenuti in Sardegna, un'ora e mezzo per percorrere 6 km sulla statale Sulcitana, da Cagliari verso Pula. La vergogna marcia silenziosa, nel giorno in cui l'Anas decide di sfoltire l'erba a bordo strada con grande tempismo, il 17 luglio. E basta un piccolo curioso incidente, un'auto che finisce fuori strada col conducente illeso, per paralizzare la circolazione e tenere fermi migliaia di automobilisti sotto il sole. "La statale 195 è una vergogna", afferma senza mezzi termini anche l'assessore di Pula Filippo Usai. Un budello sottile di asfalto con le auto incolonnate, i rischi altissimi, e parliamo di una strada strategica per l'isola: quella che ospita la raffineria più grande del mediterraneo, la saras, centri importanti come Capoterra e Sarroch oltre alla costa meravigliosa di Pula e Chia.

Eppure cosa accade? Che il tratto a 4 corsie è bloccato a causa del cantiere della nuova statale che viaggia a rilento, in grande ritardo e con le carte finite in Procura, portate dalla Regione. L'iter della nuova statale 195, pensate, è partito addirittura nel 1997, vent'anni fa. E ancora la strada non è pronta, nonostante le ripetute proteste dei sindaci della zona. Ora, in questo luglio afoso e caotico, si è deciso di intrappolare gli automobilisti forse senza più speranza.

jacopo.norfo@castedduonline.it


TAGS:  sulcitana   pula