Cagliari, la città ingabbiata dalle transenne e dai ritardi

L'opinione di Roberto Marchi sulla Cagliari delle transenne

Autore: Redazione Casteddu Online il 12/03/2017 17:12



Cagliari, la città ingabbiata dalle transenne e dai ritardi

di Marcello Roberto Marchi

E' trascorso quasi un mese della denuncia che gli stessi amministratori 
comunali hanno fatto su L'Unione Sarda a proposito delle decina di 
transenne che sorgono come funghi nella strade e nelle piazze di Cagliari 
e che vi rimangono per mesi aggravando kle situazioni di pericolo e di degrado. 

" E' intollerabile la presenza di tutti questi sbarramenti " in 
Città ha dichiarato il Vice Sindaco ai colleghi de L'Unione. 
" Sono la prima a dirlo : queste cose ( le transenne, appunto ) 
sono inaccettabili ". Luisanna Marras, non è solo Vice 
Sindaco ( ormai da sei anni a questa parte ), ma, afferma con coraggio, 
è anche una cittadina di Cagliari,come tutti gli altri. 
E aggiunge di rimanere sconcertata, anche lei, da tutte queste 
transenne, " i residenti hanno ragione a lamentarsi". 
Non sono solo i "grandi interventi " che attendono da anni di essere 
affrontati e risolti, come quelli denunciati di Via Genovesi, di Via Vittorio 
Veneto, di Via Garzia o del Terrapieno ma, anche quelli di piccolo cabotaggio, 
per esempio, di Piazza del Carmine, di Viale Trieste, del 
Corso Vittorio Emanuele di fronte alla Chiesa dell'Annunziata. 
Cagliari, la capitale delle transenne, dunque, come l'ha definita l'attuale 
Assessore dei Lavori pubblici, che ha ereditato, appunto, le competenze e 
le responsabilità della Marras nella precedente consiliatura. 
" Sono la prima a dire che è intollerabile la presenza di tutti questi 
sbarramenti " ha detto ancora la Vice Sindaco Luisanna Marras, mentre 
dall'altro fronte l'attuale Assessore dei Lavori Pubblici Gianni 
Chessa lamenta la mancanza assoluta di fondi nelle casse del Comune. E 
nei giorni scorsi gli ha fatto eco il Vice Presidente del Consiglio 
Comunale Aurelio Lai, anche lui del Psd'az, minacciando tuoni e 
fulmini se il prossimo bilancio comunale non mette tanti soldi nei 
capitoli dei lavori pubblici. 
Hanno tutti e tre ragione di lamentarsi e di protestare, dobbiamo 
dargliene atto. 
Ma, hanno, a mio avviso un'unica strada in comune da percorrere ed essere 
conseguenti : dimettersi e lasciare campo a chi è capace a prendere, 
come si suol dire, " il toro per le corna" e dare finalmente risposte 
concrete e in tempi accettabili alle esigenze di una città oggi 
martoriata in uno dei settori più importanti, essenziali ,direi, 
della quotidianità 
del vivere civile : quello della sicurezza del semplice camminare per strada. 





TAGS:  cagliari   transenne