Rocce Rosse Blues a Cagliari: apre Bennato in concerto alla Fiera

Winter Edition 2013



Quattro prime nazionali, sei concerti di alto livello e una parentesi dedicata al gospel con gli Happy Day Gospel Singer, fino al grande veglione di fine anno con nomi di primo piano della musica elettronica internazionale tra cui DaddyG dei Massive Attack. Rocce Rosse Blues festeggia così le 22 candeline con un cartellone di tutto rispetto che andrà in scena dal 20 al 23 dicembre al Padiglione D (Sala Blu) della Fiera Cagliari grazie alla nuova collaborazione tra RRB e l’Ente Fiera. I prezzi saranno decisamente popolari: 10 euro il costo del biglietto per ogni sera, 20 invece il prezzo del carnet per la tre giorni completa.

Imperdibili le star internazionali che approderanno in città: dal vincitore dei Blues Awards Uk 2013 Ian Siegal fino al mito dei Dr Feelgood, la band simbolo del blues intriso di rock nato all’ombra dell’Union Jack, senza dimenticare il genio e l’eclettismo dell’americano Raul Midòn, adorato dai critici e considerato l’erede del grande Stevie Wonder, passando per i virtuosismi del giovane Danny Bryant, ribattezzato dai media britannici come “il tesoro nazionale del Blues”.

Ma Rocce Rosse Blues non dimentica i talenti “made in Italy”, puntando su artisti del calibro del trombettista jazz Flavio Boltro, (a Cagliari con la sua ultima fatica: “The joyful”, viaggio insolito tra ritmi hard bop, beat improvvisato fino alle radici del Rithm and Blues) ed Edoardo Bennato. Sarà lui ad aprire venerdì 20 l’edizione 2013 di Rocce Rosse Blues. Il “ragazzo terribile” del blues tricolore, arriverà direttamente da Bagnoli dove ha suonato il 1° dicembre, nel quartiere simbolo della rinascita delle zone industriali abbandonate e al centro di progetti di riqualificazione dopo la dismissione nel 2012 della più grande base Nato d’Italia. Sempre venerdì 20 “Rocce Rosse Blues” ospiterà in prima nazionale Danny Bryant, giovane promessa del Blues britannico che ha già conquistato i critici inglesi.

Sabato 21 invece sarà il turno di altri due “fuoriclasse” che nel 2013 approdano in Italia per la prima volta: l’inglese Ian Siegal, vincitore del “Blues Awards 2013” Uk e Raul Midòn, bluesman americano, cieco fin dalla prima infanzia, acclamato dai critici come l’erede del mito di Stevie Wonder. E se Siegal guiderà il pubblico tra i ritmi blues più autentici tipici del Delta del Mississipi, Midòn invece sorprenderà con il suo modo unico di suonare caratteristico di “one man’s band” di razza.

Domenica 22, invece, sul palco della Fiera arriveranno in prima nazionale i Dr Feelgood, band simbolo del blues inglese. Sulla cresta dell’onda sin dagli anni ’70, all’alba del “pub rock”, genere nato proprio nell’Essex, loro terra d’origine, sono gli autori di hits diventate storiche come Down at the Doctors, Roxette, She’s a wind up, Back in the night, Going back home, e See you later alligator. Dal 1999 possono contare sulla voce dell’ex Animals Robert Kane. Prima ancora la scena sarà tutta per la tromba del grande Flavio Boltro e del suo quintetto che schiera Rosario Giuliani al sassofono, Pietro Lussu al pianoforte, Vincenzo Florio al basso ed Marc Valeri alla batteria.

Chiusura in grande stile dell’edizione 2013 di Rocce Rosse Blues: lunedì 23 sarà di scena il gospel di classe degli Happy Day Gospel Singers.

Ultima modifica: 20 giugno 2017

In questo articolo