Polizia, Sap sull’emergenza migranti: “Un totale fallimento” – VIDEO

Proseguono le attività di sbarco e di identificazione dei profughi: centinaia tra volontari, forze dell'ordine e Protezione Civile garantiscono l'assistenza ai disperati. Per Luca Agati, (Sindacato Autonomo di Polizia) la situazione è al collasso sia per la mancanza di agenti e di strutture di prima...



Sono riprese anche stamane le attività di sbarco e identificazione dei profughi arrivati ieri a bordo della nave spagnola Rio Segura, tuttora attraccata al molo Ichnusa di Cagliari. Al terminal crociere, (mai entrato in funzione per il suo reale scopo), c’è il campo base di emergenza predisposto per le consuete operazioni di routine per gli ultimi disperati. Attorno all’area dello scalo portuale, decine di volontari, forze dell’ordine e Protezione Civile lavorano senza sosta, ma c’è anche un’altra realtà parallela e imprescindibile che cammina accanto al fronte del lavoro della “macchina dell’accoglienza per i migranti”: quella che deve anche garantire la sicurezza e la prevenzione del crimine dei quartieri cittadini, oltre alle altre attività investigative e dei singoli reparti di Polizia. 

Un esempio su tanti, qualche ora fa, su tre volanti del 113 in notturna, una era impegnata per un arresto di un ladruncolo seriale tra le auto in sosta, le altre tre in forza ai colleghi al terminal crociere del Molo Ichnusa per la gestione dei migranti. La città resta sguarnita, numeri che la dicono lunga su quanto i cittadini possono sentirsi tutelati durante le situazioni di emergenza per la gestione “profughi”. 

Il Sindacato Autonomo di Polizia, per voce di Luca Agati, non disconosce l’importanza e l’essenzialità di dare assistenza e accoglienza agli extracomunitari disperati e sbarcati in Sardegna, ma mette in luce la grave situazione sull’organico delle forze di polizia (con personale costretto a fare turni massacranti), oltre al collasso evidente sul fronte dell’ospitalità nei centri sardi.  Quello che Agati definisce in generale e a chiare lettere “un fallimento totale” che si ripercuote con disagi e problemi evidenti per i cittadini. 

Guardate la video-intervista

Ultima modifica: 28 giugno 2017

In questo articolo