Pirri tra attentati, bullismo e pestaggi in Chiesa: “Abbiamo paura, potenziate i controlli”

Dopo l'ennesimo attentato di questa notte, Pirri scopre la paura. E il caso approda anche in consiglio regionale, dove Piero Comandini del Pd lancia l'allarme: " Si tratta di una situazione ormai insostenibile che pone a rischio l’incolumità delle persone"



Dopo l’ennesimo attentato di questa notte, Pirri scopre la paura. E il caso approda anche in consiglio regionale, dove Piero Comandini del Pd lancia l’allarme: “Ancora una volta il territorio della Municipalità di Pirri è teatro di gravi episodi ai danni dell’intera comunità, dopo gli eventi dei mesi scorsi, pestaggi in chiesa e scene di bullismo nei parchi, auto e portoni incendiati, l’altra notte si è verificato l’ennesimo atto vandalico con l’esplosione di un ordigno artigianale in via Santa Maria Chiara. Si tratta di una situazione ormai insostenibile che pone a rischio l’incolumità delle persone e la libertà di vivere serenamente gli spazi comuni”

Per quanto sopra è necessario non sottovalutare questi episodi che stanno diventando sempre più frequenti, Piero Comandini, esponente del Partito Democratico in Consiglio Regionale, accoglie ed esprime la preoccupazione dei tanti cittadini, anche di coloro che non subiscono direttamente l’atto di vandalismo o di intimidazione, ma che è comunque una vittima di questo clima di paura.

“Il degrado al quale si sta assistendo è sicuramente il sintomo di un disagio sociale e culturale che, se non trova rimedio, potrebbe veramente degenerare e diventare difficilmente controllabile, ecco perché è estremamente urgente – prosegue Comandini – che la presenza delle forze dell’ordine sul territorio venga potenziata, oltre tutto é un dovere da parte delle istituzioni garantire a tutti i cittadini un clima di serenità e vivibilità”.

Ultima modifica: 12 ottobre 2017

In questo articolo