Pili: “Tirrenia, camionista sardo pestato a sangue da due marittimi”

Mauro Pili denuncia sulla sua pagina Fb: "Tirrenia, camionista sardo pestato a sangue da due marittimi. Ricoverato con una prognosi di 25 giorni. La polizia fa l'appello dei marittimi della motonave Sharden e li blocca prima della partenza per Porto Torres". 



Mauro Pili denuncia sulla sua pagina Fb: “Tirrenia, camionista sardo pestato a sangue da due marittimi. Ricoverato con una prognosi di 25 giorni. La polizia fa l’appello dei marittimi della motonave Sharden e li blocca prima della partenza per Porto Torres”.

Subito inchiesta sull’aggressione e le ragioni di questo gravissimo episodio, chiede Pili che poi racconta la storia nei dettagli: “Camionista sardo pestato a sangue da due marittimi Tirrenia nel porto di Genova all’imbarco per Porto Torres. Trasportato urgentemente all’ospedale genovese Sampierdarena con prognosi di 25 giorni. I due protagonisti della gravissima violenza sono stati riconosciuti poco dopo l’agguato dalla polizia che, salita a bordo della nave sharden, ha effettuato il riconoscimento dei due dietro denuncia del camionista che aveva letto i nomi nel tesserino di riconoscimento.

Si tratta di un gravissimo episodio che va sottoposto al vaglio attento degli inquirenti considerato il clima già più volte segnalato agli imbarchi da e per la Sardegna. Occorre verificare le modalità di selezione e assunzione a partire dall’eventuale imbarco di personale senza che vengano richiesti i documenti validi a partire dal casellario giudiziario. Si tratta in questo caso di persone imbarcate da TIRRENIA su nave TIRRENIA.

I fatti di sarebbero verificati sottobordo all’imbarco in banchina ma avendo i cartellini identificativi la polizia li ha identificati a bordo della nave. Uno svolgeva mansioni di cameriere (Ciro), l’altro garzone di camera (Salvatore). Il primo aveva un contratto TPR e l’altro Turno Generale.

Non è ancora certo se il camionista dovesse imbarcarsi con Tirrenia o con Grimaldi”.

Lo ha denunciato poco fa il leader di Unidos Mauro Pili che ha chiesto che sulla vicenda il Ministero dei Trasporti promuova un’immediata inchiesta interna per capire con quale criterio avvenga la selezione del personale e se risultano rispettati i criteri elementari dello stesso.

” Dopo la sanzione dell’antitrust che aveva preso atto di quanto avveniva agli imbarchi ora questo episodio di violenza gravissima ai danni di un trasportatore sardo rischia di minare ulteriormente l’affidabilità del servizio pubblico marittimo. In questa direzione – ha concluso Pili – ho già chiesto al ministro dell’interno e a quello dei trasporti di verificare quanto successo con la necessaria attenzione per mettere al sicuro passeggeri e operatori”.

Ultima modifica: 9 luglio 2018

In questo articolo