Nuova scoppola per Rastelli, la rabbia dei tifosi: “Via a fine anno”

Non si possono perdere partite in questo modo, senza orgoglio e senza dignità, ma soprattutto senza un criterio tattico chiaro e redditizio. Un Cagliari che ancora una volta prende 5 reti in casa, perde senza cuore, proprio contro l'Inter che fu di Giulini, ferisce i...



di Jacopo Norfo

Diciamolo chiaro: non c’è mai stato vero feeling tra il tecnico Rastelli e la gran parte della tifoseria del Cagliari. Non c’è mai stato un allenatore così criticato a Cagliari nonostante una promozione raggiunta e una salvezza conquistata in anticipo in serie A. E il perchè è presto detto: non si possono perdere partite in questo modo, senza orgoglio e senza dignità, ma soprattutto senza un criterio tattico chiaro e redditizio, cambiandoi spesso modulo e uomini sino a confondere la squadra. Un Cagliari che ancora una volta prende 5 reti in casa, perde senza cuore, proprio contro l’Inter che fu di Giulini, ferisce i tifosi rossoblù. Perchè il Cagliari da sempre è una squadra di carattere, che non molla mai, e onorare la maglia è il primo impegno dei suoi giocatori in tutta la storia della società.

Oggi si sono visti uomini passeggiare in campo che non sapevano cosa fare e avevano la testa in vacanza. Si è visto un portiere, Gabriel, impacciato come un bambino al primo giorno d’asilo. Si è vista una squadra snaturata nella formazione e nella tattica, ancora una volta rinunciataria in partenza, col solo Joao Pedro a supporto di Borriello in attacco. Da quando c’è Legrottaglie nello staff la squadra pensa a difendersi ma paradossalmente fa molti meno punti di prima in casa. Segno che la prudenza nel calcio non sempre paga. L’Inter era decisamente superiore ma il tecnico ci ha messo del suo, prendendosi tutti i fischi del Sant’Elia per la contestata sostituzione di Borriello con Ibarbo, quando la squadra doveva recuperare e senza esigenze di classifica. Ha iniziato la partita col solo Joao Pedro in avanti a supporto di Borriello, come dire: abbiamo fifa di attaccare. Rastelli non piace ai tifosi del Cagliari perchè è un tecnico che spesso ha paura, in serie A. Paura di prendere scoppole clamorose come quella di oggi con l’Inter, o lo 0-5 col Napoli, il 3-5 con la Fiorentina, il 4-1 con la Lazio, il 4-0 con la Juventus. Il Cagliari si salva ma ha subito una serie di sconfitte umilianti, che hanno umiliato i tifosi. Per questo sono in tanti tra i supporter rossoblù a chiedere al tecnico Giulini un cambio del tecnico a fine anno.

jacopo.norfo@castedduonline.it

Ultima modifica: 28 giugno 2017

In questo articolo