Nasce la fondazione “Pula Cultura diffusa”: “Renderà Nora un gioiello ancora più straordinario”

“La fondazione Pula cultura diffusa” afferma la Sindaca Carla Medau “si presenta come uno strumento utile in termini di qualità e promozione territoriale. La Fondazione si occuperà in primis dell’area archeologica di Nora, rendendo il giusto riconoscimento alla zona che più di tutte caratterizzano il territorio pulese



E’ stata istituita ieri pomeriggio nell’Aula Consiliare del Comune la “Fondazione Pula Cultura Diffusa”.

I componenti del Consiglio d’Amministrazione sono: Sardi Franco, Carta Emilia, Bellissai Salvatore, Oppo Anna e Floris Claudio.

L’obiettivo della Fondazione è quello di valorizzare e conservare il patrimonio culturale, ambientale, archeologico comunale.

Lo strumento della fondazione quale strumento operativo, permetterà un alleggerimento del comparto burocratico.

“La fondazione Pula cultura diffusa” afferma la Sindaca Carla Medau “si presenta come uno strumento utile in termini di qualità e promozione territoriale. 

La Fondazione si occuperà in primis dell’area archeologica di Nora, rendendo il giusto riconoscimento alla zona che più di tutte caratterizzano il territorio pulese. Ma avrà anche il compito di gestire il “Teatro Maria Carta” ormai pronto ad essere utilizzato e valorizzato. Successivamente al termine dei lavori, si occuperà anche del Museo Patroni, destinato a diventare una delle realtà museali più importanti della Sardegna.

Salvatore Bellisai, già componente della Fondazione Barumini afferma “l’area archeologica di Nora con le sue 75.000 presenze annue ha un grande punto di partenza per raggiungere tramite la Fondazione numeri ancora più importanti”. 

La prima sfida per la Fondazione Pula Cultura Diffusa sarà farsi carico da inizio anno 2019 della gestione dell’Area archeologica di Nora.

Ultima modifica: 7 novembre 2018

In questo articolo