Il M5S conquista la Sardegna: 41%. La Lega vola oltre l’11, disastro Pd

I "grillini" primi assoluti, risultato mostruoso per i salviniani che vanno in doppia cifra. Nell'Isola governata da Pigliaru i democratici si fermano attorno al 16 per cento, Forza Italia è al 14



Nell’Isola è trionfo “giallo”, il colore utilizzato per indicare le Regioni conquistate dal Movimento 5 Stelle. Al Senato, con oltre il dieci per cento delle sezioni scrutinate, i pentastellati sono al 41,4 per cento. Secondo partito è il Pd, ma il risultato è da lacrime e sangue: 16 e qualcosa per cento, uno “schiaffone”, politicamente parlando, per una regione governata dal democrat Francesco Pigliaru. E poi, dopo Forza Italia che naviga attorno al 14, l’altra vera sorpresa è la Lega di Matteo Salvini: 11,5 per cento. Un risultato clamoroso per un partito che fino a qualche anno fa aveva nell’Emila Romagna la sua personale “linea di confine” politico.

Briciole, o poco più, per le altre forze in campo. Fratelli d’Italia guida la lunga lista degli “inseguitori” con il 4,2 per cento, Liberi e Uguali sigla il due e mezzo, Più Europa ha l’1,2 come Noi con l’Italia-Udc, Potere al popolo lo 0,9, CasaPound e il Partito comunista lo 0,7, il Popolo della famiglia lo 0,6 per cento, Italia Europa Insieme 0,4 e la Civica popolare Lorenzin lo 0,3 per cento.

 

Ultima modifica: 5 marzo 2018

In questo articolo