InvitaS a Cagliari, 4 giorni di gusto e tradizione alla Fiera: ingresso gratis, ecco il programma

Un oceano di sapori, sfilate e rappresentazioni, il quartiere fieristico si prepara a essere inondato dai mille "colori" della Sardegna: maxi area food e centinaia di stand. Parata inaugurale con tantissimi chili di dolci gratis per tutti



È tutto pronto per InvitaS 2018, e dopo tre anni il ritorno alla Fiera di Cagliari è decisamente imperdibile. Cancelli aperti dalla mattina alla sera per quattro giorni, dall’1 al 4 novembre prossimi, a costo zero. Nessun biglietto d’ingresso, l’invasione di gusto, tradizioni e cultura sarde è davvero per tutti. Dalle 10 alle 23 il maxi villaggio illumina i padiglioni compresi tra piazza Marco Polo e viale Diaz. L’ingresso sarà esclusivamente dal viale Diaz. L’organizzazione ha stilato il programma ufficiale, decine di eventi, tutti da vivere e dedicati a tutti. Dai bambini agli anziani, dalle famiglie ai single: l'”invito” di InvitaS non ha nessuna restrizione, anzi. Ecco tutto il programma nel dettaglio.

 

TUTTI I GIORNI:

AREA ESPOSITIVA (Padiglione I):

Oltre 150 stand presentano un offerta di eccellenze alimentari e artigianali provenienti da tutta la Sardegna. Miele, vino, dolci, formaggi salumi etc vere primizie a chilometro zero. Stand artigianali di livello che presentano il cucito creativo, il gioiello, la filigrana, la coltelleria artigianale a altro ancora. Nel Padiglione I trovano inoltre spazio l’esposizione di abiti riprodotti fedelmente con pezzi originali del 1700 e 1800 a cura dell’Associazione Cultura Popolare di Monserrato.

Un’esposizione (giovedì e venerdì) di cassepanche antiche della metà dell’ ottocento dipinte a mano a cura dell’ Associazione Le Sorgenti di Nuxis.

Rappresentazione degli antichi mestieri sardi (sabato e domenica): lavorazione della semola, impagliatura delle sedie in costume a cura dell’ Associazione Is Massaius Suerxinus.

 

LABORATORI

Laboratorio del “malloreddus” per bambini con rilascio di attestato (gratuito) e laboratorio della fregola e raviolini fritti a cura dell’ Associazione di Nuraxi e Figus (tutti i giorni esterno al Padiglione I)

Laboratorio artigianato artistico con la dimostrazione e lavorazione in diretta della Filigrana, del gioiello sardo “Corbula Sarda” e della fede campidanese a cura dell’orafa Angela Sanna (gratuito, orari come da programma Padiglione I)

Laboratorio medioevale (area medioevale esterno Pad. I) Tintura dei tessuti, lavorazioni

 

PASTI E SAGRE (Padiglione G) Orario continuato

InvitaS presenta i cibi caratteristici della Sardegna cotti a vista,  i pasti hanno un costo da €. 5,00, €. 10,00 e €. 15,00. A disposizione oltre 500 posti a sedere all’interno del Padiglione G piano terra ( 1300 mq) con punto bar e birre artigianali.

I primi: culurgionis ogliastrini con bottarga, malloreddus campidanese, panade, fregola di terra e fregola ai frutti di mare.

I secondi: pesce fritto (calamari, cozze, etc), arrosti vari (maialetto, vitella, trattalia, salsiccia). Arrosti di mare: anguille e muggini. Menù completo a base di pecora.

Presso l’area Medioevale: cibo e pasti del periodo medioevale in Sardegna a cura dell’Associazione Memories. Dolci tipici sardi: raviolini fritti sulcitani, sebadas, pasticceria varia.

 

Programma:

01/11- Giovedì: INAUGURAZIONE, TRADIZIONI E ARCHEOLOGIA

 

h. 10,00- Apertura degli Stand Espositivi e del Food

h. 11,00 – (Piazzale del CIS Viale Bonaria) Parata Inaugurale di Invitas che prevede la partecipazione di oltre 150 figuranti tra cui  maschere, costumi sardi, associazioni in abiti rinascimentali, armature nuragiche etc) che saranno poi tra i protagonisti di InvitaS 2018. sfileranno per Viale Bonaria, Via del Cimitero, Viale Diaz fino a raggiungere il piazzale dove ad attenderli ci saranno le Autorità con il loro saluto di benvenuto al pubblico. A conclusione della Parata, il gesto de “Su Cumbidu” 20 donne in costume tipico sardo offriranno ai visitatori presenti oltre 80 kg di dolci tipici sardi.

h. 16,30 – Laboratorio artigianato artistico con la dimostrazione dal vivo della realizzazione della Filigrana (come viene preparato il filo e ritorto) a cura dell’ Orafa Angela Sanna (Pad. I)

h. 17,00 – Esibizione con le Fruste a cura dell’ Associazione Le Fruste del Campidano (presso il pad C esterno)

h. 17,30 – Esisibizione delle Maschere di Sestu “Is Mustayonis e S’ Orku Foresu” per tutta l’area interessata dall’evento.

h. 18,30 –  Festeggiamo “Is Mortus Mortus” a cura dell’ Associazione Libera che accoglieranno i bambini offrendo loro dei dolci, noci, mandarini secondo la tradizione cosi come detta la Tradizione del Nord Sardegna a seguire animazione per bambini.

h. 19,30 –  Sfilata delle Armature Nuragiche e presentazione dei vari costumi. Le Armature rimarranno a disposizione per foto con i presenti

h. 21,00 – Fusione nuragica sotto le Stelle. Il Maestro Andrea Loddo mostrerà in diretta la realizzazione del bronzetto nuragico con racconti, e sottofondo musicale per far rivivere l’ epoca nuragica.

 

02/11- Venerdì: MASCHERE DI FONNI

 

h. 10,00- Apertura degli Stand Espositivi e del Food

h. 11,30 – Realizzazione in diretta del gioiello sardo “Corbula sarda” a cura dell’ Orafa Angela Sanna (pad. I)

h. 17,00 – Realizzazione in diretta del gioiello sardo “Corbula sarda” a cura dell’ Orafa Angela Sanna (pad. I)

h. 18,00 – Sfilata delle “Donne di Sardegna” a cura dell’ Associazione Libera. Verranno rappresentate in un suggestivo scenario le donne della Sardegna (cernitrici, partigiane, etc) e le tessitrici di Maria Lai

h. 19,00 –  Esibizione delle Maschere di Fonni “Urtos e Buttudos”

h. 20,00 – Esibizione canora a cura della cantante Federica Cabras che eseguirà dal vivo alcuni brani sardi.

h. 21,00 – Musica dal vivo a cura del launeddista Nicola Agus

 

03/11- Sabato: MASCHERE BARBARICINE: BOES E MERDULES

 

h. 10,00 – Apertura degli Stand Espositivi e del Food

h. 11,00 – Realizzazione e dimostrazione su come si realizza la fede campidanese a cura dell’ orafa Angela Sanna (Pad. I)

h. 17,00 –  Realizzazione e dimostrazione su come si realizza la fede campidanese a cura dell’ orafa Angela Sanna (Pad. I)

H. 18,30 – Sfilata delle antiche maschere barbaricine: Boes e Merdules di Ottana per tutta l’area interessata dall’evento

h. 20,00 – Esibizione canora a cura della cantante Federica Cabras che eseguirà dal vivo alcuni brani sardi.

h. 21,00 – Musica dal vivo a cura del launeddista Nicola Agus

 

04/11- Domenica: IL MEDIOEVO E IL RINASCIMENTO IN SARDEGNA

 

h. 10,00 – Apertura degli stand espositivi e del Food

h. 11,00 – Corteo Storico Medioevale e Rinascimentale a rappresentare la Storia della Sardegna. Rappresenteranno il medioevo il gruppo di dei tamburini e musici dell’ Associazione Castello di Siviller Marchesato di Villasor, Associazione di Guasila, Associazione di Dolianova e dell’ Associazione “La Farandola” di Ussana. Seguiranno balli medioevali e rinascimentali e lotta con la scherma.

h. 16,00 – Balli medioevali a cura dell’ Associazione “La Farandola” di Ussana con il coinvolgimento del pubblico.

h. 17,00 – Balli rinascimentali a cura dell’ Associazione Castello di Siviller Marchesato di Villasor

h. 18,00 – Sfilata delle “Donne di Sardegna” a cura dell’ Associazione Libera. Verranno rappresentate in un suggestivo scenario le donne della Sardegna (cernitrici, partigiane, etc) e le tessitrici di Maria Lai

h. 18,30 – Sfilata della Collezione di Franca Sirigu di abiti e stoffe rappresentanti la Sardegna

h. 20,00 – L’ Associazione “La Farandola” di Ussana presenta lo spettacolo notturno dello sputafuoco con le bolas e le clave infuocate con la partecipazione del Maestro Anry Usma dal passato circense presso il Circo Lu Soleil de Paris. A seguire balli medioevali con il coinvolgimento del pubblico.

 

Ultima modifica: 27 ottobre 2018

In questo articolo