I grandi misteri sardi stregano la tv russa: ecco il docu-film-VIDEO

I segreti delle grotte sarde attirano la televisione russa: un documentario del giornalista Marcello Polastri



I grandi misteri. Quelli delle civiltà scomparse sono al centro di un documentario girato dalla Tv russa anche in Sardegna.

Dalle piramidi egizie alla muraglia cinese, dalle costruzioni dei Maya ai sotterranei di Gerusalemme passando per l’Italia; della quale, la Ren Tv, il canale di Stato della Russia, ha puntato esclusivamente sull’isola dei nuraghi per proporre, a milioni di telespettatori, la bellezza dei siti nostrani. 

Per far ciò si è avvalsa della collaborazione di Marcello Polastri, giornalista e speleologo che nel recente passato ha realizzato, anche per la BBC, un docu-film.

Torcia in pugno, sono stati illuminati alcuni ambienti celati in grotte a parecchi metri di profondità, situate nei pressi delle torri nuragiche che presentano anche realtà sotterranee, come pozzi e sacrari di difficile accesso. Per oltre un mese, la troupe televisive russa, ha girato in Sardegna per realizzare lo speciale per la serie “Grandi Misteri”. 

Il ciclo di puntate si basa soprattutto su dati scientifici ma anche documenti declassificati sull’archeologia, con testimoni oculari di scoperte, capaci, però, di riconsiderare l’immagine storico-convenzionale del mondo. Per voce di grandi archeologi e avventurieri, a scopritori di tesori e scrittori.  Tra gli studiosi sardi, oltre a  Polastri, dal cui libro “Il tempo dei Giganti” è stata tratta l’ispirazione del documentario, è stato intervistato anche Alfondo Stiglitz, archeologo che ha raccontato ai Russi i dati archeologici su manufatti affascinanti, vecchi di millenni, quale tipica espressione della civiltà nuragica. Il documentario ha anche mostrato per la prima volta, i resti ossei di uomini abnormi, conservati nel Fossil Museum del Messico.

Il video integrale è già disponibile anche nel web, all’indirizzo:

https://www.youtube.com/watch?v=GHLp8hlb_a4

(la Sardegna è visibile dal minuto 51)

Ultima modifica: 20 giugno 2017

In questo articolo