Il grido di rivincita delle donne monserratine sulle note di “Non mi avete fatto niente”

Proprio il brano di grande successo sanremese firmato da Ermal Meta e Fabrizio Moro era  questo il leit motiv della serata svoltasi ieri al Teatro del Circolo Sant’Ambrogio dal titolo “Donne, generazioni a confronto”



Il grido di rivincita delle donne monserratine sulle note di “Non mi avete fatto niente”. Proprio il brano di grande successo sanremese firmato da Ermal Meta e Fabrizio Moro era  questo il leit motiv della serata svoltasi ieri al Teatro del Circolo Sant’Ambrogio dal titolo “Donne, generazioni a confronto”, organizzato da Chiacchiere in Allegria, in collaborazione con il Circolo e la Filodrammatica Ambrosiana.

L’incontro dedicato alla giornata internazionale della donna è stato un susseguirsi di testimonianze da parte di cittadine donne che nella vita quotidiana svolgono il proprio ruolo fondamentale nella società odierna.

Ma non solo, durante la serata ha presieduto un’ospite speciale, Grazia Maria De Matteis (Garante per i diritti dell’infanzia) che ha promesso sempre maggiore attenzione nei confronti di bimbi e donne deboli, una tematica molto sensibile che ha catturato l’attenzione dei numerosi cittadini presenti. È stata l’occasione per confrontarsi, per chiedere più parità nei ruoli dirigenziali soprattutto negli enti pubblici, che ha visto anche la partecipazione di Rosalina Locci. Il grido di rivincita si è alzato forte, anche tramite l’oncologa Valentina Picciau più determinata che mai dopo le ultime scritte vergognose apparse sui muri di Monserrato nei suoi confronti, un episodio condannato da tutti I presenti.

È stata la giornata delle Donne, donne libere e di grandi valori come Lucia Cabras 84 anni, ex insegnante e donna eseplare che ha vissuto sempre a monserratto e rivestito incarichi importanti, donne semplici che hanno un ruolo nella comunità al di fuori del palazzo di Piazza Maria Vergine. Non solo testimonianze, ma anche poesie e musica hanno intrattenuto I presenti, insieme a due interventi telefonici di Franca Cicotto e Rita Mameli, impossibilitate a partecipare fisicamente ma presenti per dar voce e sensibilizzare sulla parità di genere, troppe volte chiesta e raramente attuata. Soddisfatti gli organizzatori, Nannina Perra e Manlio Capra che hanno già in programma un altro evento dedicato alla cultura monserratina.

Ultima modifica: 9 marzo 2018

In questo articolo